Archivi tag: uccisa

Bari, estetista uccisa, dopo 4 anni assolto e scarcerato il compagno: “È innocente”

Bari, estetista uccisa, dopo 4 anni assolto e scarcerato il compagno: “È innocente”

Ribaltando la sentenza di primo grado, la Corte di assise di appello di Bari ha assolto “per non aver commesso il fatto” Antonio Colamonico, accusato dell’omicidio della ventinovenne italo-brasiliana Bruna Bovino, uccisa il 12 dicembre 2013 nel centro estetico che gestiva a Mola di Bari. Colamonico sarà scarcerato oggi stesso, dopo oltre quattro anni e

Merano, sabato l’autopsia su Alexandra, il marito: “L’ho uccisa per gelosia”

Ha confessato Johannes Beutel, 38 anni, fermato per l’omicidio della moglie, Alexandra Riffeser, 34, da cui aveva avuto due figli. Dopo ore di interrogatorio nel commissariato di Merano davanti al pubblico ministero Igor secco, l’uomo ha raccontato della crisi del suo matrimonio e temeva che la giovane donna avesse una relazione. Di qui la paura

Manuela Bailo uccisa a coltellate: “L’amante mente, a caccia dell’arma”

“Dopo l’ospedale non l’ho riportata alla sua auto, ma siamo tornati a casa perché Manuela aveva dimenticato gli occhiali”. La casa è quella della madre di Fabrizio Pasini, 48 anni, il luogo in cui è avvenuto l’omicidio di Manuela Bailo, 35. “Abbiamo litigato per un tatuaggio”, ha detto l’uomo raccontando che la ragazza si sarebbe

Udine: dal notaio per vendere una casa comune, spara all’ex moglie e si uccide

Si erano recati insieme dal notaio per redigere un atto per la separazione. Ma all’improvviso il marito ha tirato fuori una pistola e ha aperto il fuoco contro l’ex moglie, uccidendola. Poi ha puntato l’arma contro di sé e si è tolto la vita. È accaduto ieri mattina attorno alle 10, in pieno centro a

Sana è stata strangolata dal padre: “L’ho uccisa, mi ha aiutato mio figlio”

Il padre di Sana Cheema, già in arresto da tre settimane, avrebbe confessato di aver ucciso la figlia, morta in Pakistan lo scorso 18 aprile. Lo riferiscono media pachistani. L’uomo, cittadino italiano come la figlia, si sarebbe fatto aiutare da uno dei figli maschi per stringere al collo la ragazza fino a romperle l’osso del

Jessica, l’assassino in una lettera dal carcere: “L’ho uccisa senza un perché”

“Con Jessica ho passato 12 giorni stupendi, io ho solo cercato di aiutarla a cambiare vita e c’ero quasi riuscito”. È quanto scrive in una lettera dal carcere Alessandro Garlaschi, il tranviere che il 7 febbraio scorso ha ucciso con 40 coltellate la Jessica Valentina Faoro, 19 anni, nell’appartamento in via Brioschi a Milano. Nella

“Ma cosa ho combinato?”: confessa l’assassino della nigeriana Onane

“L’ho uccisa qui nella mia camera all’hotel Daina. Venite subito”. L’assassino era al telefono e i militari dell’Arma di Dalmine e Treviglio hanno raggiunto subito l’albergo di Dalmine. Durante l’interrogatorio l’uomo, Maurizio Vitali di 62 anni, è scoppiato più volte in lacrime, mostrando di non rendersi bene conto del delitto esguito con un colpo di

Alto