Archivi tag: uccisa

Manuela Bailo uccisa a coltellate: “L’amante mente, a caccia dell’arma”

Manuela Bailo uccisa a coltellate: “L’amante mente, a caccia dell’arma”

“Dopo l’ospedale non l’ho riportata alla sua auto, ma siamo tornati a casa perché Manuela aveva dimenticato gli occhiali”. La casa è quella della madre di Fabrizio Pasini, 48 anni, il luogo in cui è avvenuto l’omicidio di Manuela Bailo, 35. “Abbiamo litigato per un tatuaggio”, ha detto l’uomo raccontando che la ragazza si sarebbe

Udine: dal notaio per vendere una casa comune, spara all’ex moglie e si uccide

Si erano recati insieme dal notaio per redigere un atto per la separazione. Ma all’improvviso il marito ha tirato fuori una pistola e ha aperto il fuoco contro l’ex moglie, uccidendola. Poi ha puntato l’arma contro di sé e si è tolto la vita. È accaduto ieri mattina attorno alle 10, in pieno centro a

Sana è stata strangolata dal padre: “L’ho uccisa, mi ha aiutato mio figlio”

Il padre di Sana Cheema, già in arresto da tre settimane, avrebbe confessato di aver ucciso la figlia, morta in Pakistan lo scorso 18 aprile. Lo riferiscono media pachistani. L’uomo, cittadino italiano come la figlia, si sarebbe fatto aiutare da uno dei figli maschi per stringere al collo la ragazza fino a romperle l’osso del

Jessica, l’assassino in una lettera dal carcere: “L’ho uccisa senza un perché”

“Con Jessica ho passato 12 giorni stupendi, io ho solo cercato di aiutarla a cambiare vita e c’ero quasi riuscito”. È quanto scrive in una lettera dal carcere Alessandro Garlaschi, il tranviere che il 7 febbraio scorso ha ucciso con 40 coltellate la Jessica Valentina Faoro, 19 anni, nell’appartamento in via Brioschi a Milano. Nella

“Ma cosa ho combinato?”: confessa l’assassino della nigeriana Onane

“L’ho uccisa qui nella mia camera all’hotel Daina. Venite subito”. L’assassino era al telefono e i militari dell’Arma di Dalmine e Treviglio hanno raggiunto subito l’albergo di Dalmine. Durante l’interrogatorio l’uomo, Maurizio Vitali di 62 anni, è scoppiato più volte in lacrime, mostrando di non rendersi bene conto del delitto esguito con un colpo di

“È mia moglie, l’ho uccisa io”, ancora insanguinato confessa l’omicida di Casale

“È mia moglie, l’ho uccisa io”. L’uxoricida, Kujtim Hasanaj, 49 anni. albanese d’origine, aveva la voce impastata. Non è certo che fosse sobrio. Ha seguito i militari in caserma, a meno di un chilometro dal luogo del delitto. E alla stazione dei carabinieri ieri sera, dopo le 21, è stato interrogato dal pm di Vercelli Davide

Si chiamava Gloria Pompili la ragazza di 23 anni picchiata e uccisa in provincia di Latina

Una giovane prostituta di 23 anni è morta la notte scorsa sulla 156 “Dei monti Lepini” nel territorio di Prossedi, in provincia di Latina (nella foto un panorama del piccolo centro). La sfortunata ragazza ora ha un nome: si chiamava Gloria Pompili. Nataa e residente a Frosinone, viveva in una zona popolare del capoluogo ciociaro.

Alto