Archivi tag: soldi

Serie C: il Pro Piacenza senza soldi in campo con 7 giocatori tutti baby, perde 20-0

Serie C: il Pro Piacenza senza soldi in campo con 7 giocatori tutti baby, perde 20-0

Una squadra con soli sette giocatori, tutti “baby’” senza allenatore in panchina e col massaggiatore entrato a sua volta brevemente in campo per dare un cambio.  Risultato finale: 20-0. Non è una divertente sfida di dopolavoro, ma una triste giornata nella serie C italiana. Così il Pro Piacenza si è presentato a Cuneo per una

Massa: un prete usava i soldi dei fedeli per pagarsi un escort, indagato col Vescovo

Massa: indagati un prete e il Vescovo. Questi i fatti, abbastanza clamoroso: il sacerdote don Luca Morini e il vescovo della diocesi di Massa, monsignor Giovanni Santucci, sono indagati in un’inchiesta sull’impiego da parte del sacerdote delle offerte dei fedeli: il sospetto è che le abbia usate per spese personali di tipo “particolare”. Un’indagine durata

Umberto Bossi e il figlio condannati, usarono in proprio i fondi della Lega

Due anni e tre mesi a Umberto Bossi e un anno e mezzo al figlio Renzo, più noto come “il Trota”,  sono stati inflitti oggi dal Tribunale di Milano per aver usato fondi del partito a fini personali. Il giudice monocratico Marialuisa Balzarotti ha condannato per appropriazione indebita anche l’ex tesoriere della Lega Francesco Belsito

Fabrizio Corona: “I soldi? Li ho fatti con Belen, siamo come Bonnie e Clyde”

“Con Belen come Bonnie e Clyde”. così Fabrizio Corona racconta che quei 1,7 milioni di euro in contanti trovati in un controsoffitto “vengono tutti da serate, campagne pubblicitarie e lavoro. Li ho fatti tra il 2008 e il 2012” e, in particolare, “nel 2009, quando con Belen Rodriguez siamo diventati una coppia mediatica eccezionale, tutto

Vercelli: uccide con 2 coltellate alle spalle l’amico di 24 anni, arrestato

Ucciso a 24 anni la scorsa notte a Vercelli, in un palazzo del rione Concordia. Secondo le prime ricostruzioni, Daniel Napolitano (nella foto di apertura), magazziniere, era in compagnia di un amico di un anno più giovane, Alessandro Rizzi, studente universitario, nella casa in cui abita, in via Gramsci 10, quando tra loro è scoppiata

Alto