Archivi tag: luisa mattia

“Cosa saremo poi”, romanzo attualissimo sugli adolescenti cyberbulli

“Cosa saremo poi”, romanzo attualissimo sugli adolescenti cyberbulli

È in uscita in questi giorni un romanzo  necessario.  Si tratta di “Cosa saremo poi”, scritto a quattro mani da Luisa Mattia (nella foto in apertura) e Luigi Ballerini (Edizioni Lapis 250 pagine, costo 12,50 euro) . Ciò che lo rende necessario, oltre alla piacevolezza della lettura, è l’argomento affrontato: il cyberbullismo. Gesti estremi di ragazze

Tutto Leo (da Vinci): dalle macchine volanti alle invenzioni in cucina

Si dice Leonardo da Vinci e si pensa all’essenza stessa del genio. Ingegnere, architetto, artista, cuoco, intrattenitore, musicista, scultore: su Leonardo si sono spese nel tempo molte parole, senza mai riuscire a definire la sua grandezza. Esce ora un bell’albo, illustrato da Lorenzo Terranera e scritto da Luisa Mattia e Alberto Nucci Angeli, intitolato LEO

Libri esilaranti: “L’esistenza di Dio spiegata da 3 pinguini” (trailer)

È tornato in una nuova edizione un libro tra i più intelligenti ed esilaranti degli ultimi anni. Parlo de  “L’arca parte alle 8. L’esistenza di Dio spiegata da tre pinguini” (Rizzoli, 92 pagine, 14 euro), di cui è autore Ulrich Hub. Le delicate e ironiche illustrazioni di Jȕrge Mȕhle valorizzano al meglio una storia in

Leo, al Teatro di Roma un Leonardo bambino mai messo in scena

Il genio di Leonardo da Vinci, insieme alla splendente e preziosa intelligenza dell’infanzia, sono in scena al Teatro Argentina di Roma, fino al 20 febbraio. Interessante e notevole produzione di un prestigioso teatro nazionale come il Teatro di Roma, che propone un’opera teatrale dedicata al Leonardo bambino, alla sua prorompente e giocosa capacità di cercare

Bambini: tutto un altro mondo con le Divertimappe

Raccontare una città o una regione, ai bambini, è cosa davvero complicata. Tanto di più se il rigore di documentazione è ineccepibile e le notizie da fornire ai bambini e ai ragazzi ben selezionate. Il rischio è produrre una pubblicazione “polverosa”, zeppa di informazioni ma totalmente priva di comunicazione. Già, perché ai bambini bisogna saper

Alto