Archivi tag: infarto

Cura della casa, qualche passo e yoga: un po’ di esercizio protegge il cuore

Cura della casa, qualche passo e yoga: un po’ di esercizio protegge il cuore

Una passeggiata in casa, vista la situazione sanitaria, esercizi tesi a migliorare resistenza ed equilibrio, tai chi, yoga e persino le semplici faccende domestiche. Questi alcuni esempi di attività che possono dare beneficio a chi ha problemi di cuore o è andato incontro a un infarto o un ictus. Possono fare parte, infatti, della riabilitazione

Morire di crepacuore: può succedere davvero, a rischio soprattutto le donne

In termini scientifici si chiama cardiomiopatia da stress o sindrome takotsubo. In termini più comprensibili è nota come la sindrome da crepacuore e può avere un tasso di mortalità simile all’infarto, portando al decesso del paziente nel 5% dei casi. Anche quando non si arriva a un esito così drammatico, nel 12% dei casi si

Infarto: la rabbia spezza il cuore, rischio più che doppio se si perdono le staffe

Rischio infarto più che doppio a causa dell’ira. Lo sostiene uno studio condotto dal Population health research institute della McMaster iniversity di Hamilton, in Ontario, su un campione di 12.000 persone al primo attacco cardiaco. I ricercatori hanno sondato gli eventi delle 24 ore che hanno preceduto l’infarto e i dati parlano del 14,4% dei

Individuato il colesterolo “cattivissimo”, primo killer per cuore e cervello

Il colesterolo cattivo (Ldl) non è il solo elemento da controllare per capire se si è a rischio di infarti o malattie coronariche. C’è un indicatore migliore ed è un particolare tipo di Ldl, una sottoclasse di lipoproteine a bassa densità. Questo colesterolo “cattivissimo” riesce a predire molto meglio gli eventuali problemi all’apparato cardiovascolare più

La pioggia può spezzare il cuore: esiste una connessione tra meteo e infarto

Esiste una connessione tra le condizioni meteo e il rischio di infarto. Lo sostiene una ricerca pubblicata sull’International journal of cardiology e ripresa da Quotidiano sanità a cui ha collaborato l’unità operativa complessa di cardiologia dell’ospedale Santa Maria Goretti di Latina, diretta da Francesco Versaci (nella foto sotto). Lo studio è durato 5 anni ed

In 4000 per l’addio a Gimondi: alle esequie Moser, Saronni e mamma Pantani

In 4000 hanno voluto salutare l’uomo e il campione Felice Gimondi. Alle 11 il feretro del ciclista bergamasco, vincitore del Tour de France, del Giro d’Italia e Vuelta, è arrivato alla chiesa parrocchiale di Paladina dove sul sagrato si sono trovati corridori, tifosi e persone comuni tutti stretti alla famiglia del campione morto sabato per

Alto