Archivi tag: errore

Cile-Argentina 4-2: la Copa ancora ai cileni, Messi sbaglia e dà l’addio alla nazionale

Cile-Argentina 4-2: la Copa ancora ai cileni, Messi sbaglia e dà l’addio alla nazionale

La Copa America resta al Cile, come l’anno scorso e con lo stesso risultato dell’anno scorso: 4-2 per i cileni dopo i supplentari che erano finiti 0-0. Ma nel 2015 l’errore decisivo dal dischetto fu del pipita Higuain, quest’anno è ddirittura della superstar Leo Messi, che la prende malissimo e annuncia: “Lascio la nazionale”. L’avventura

Twitter sulle montagne russe: dopo il nuovo down, ora è tornato online

Solo in tarda mattinata il problema sembra risolto. Almeno per ora. Perché quando verso le 11.30 sembrava tornato online, Twitter è caduta pochi minuti dopo riprendendo il malfunzionamento che l’aveva già messo ko per alcune ore. Il sito di microblogging è rimasto inaccessibile da tutto il mondo e a chi cercava di accedervi compariva una

Coop ritira la salsa di soia Kikkoman: errore nella data di scadenza

A causa di un errore nell’etichettatura, che riporta sul tappo una data di scadenza sbagliata, è stata richiamata da Coop la salsa di soia Kikkoman Btg nella confezione da 150 milligrammi. Si tratta del lotto L15331 ed è quello contrassegnato dal codice EAN 8715035110106. La data riportata in modo errato indica la scadenza al 27

Comacchio, fu dichiarata morta per errore: svaniti pensione, documenti e sanità

Ogni giorno si sveglia e pensa: “Sono ancora morta”. La storia è quella di Gaetana Simoni, 43 anni, nata a Comacchio e residente a Copparo, in provincia di Ferrara, che viene dichiarata deceduta il 13 agosto 2012 al posto di una sua omonima molto più anziana (classe 1925). E quello che sembra un semplice errore

Usa: 117 donne prendono la pillola, 94 restano incinta, scatta la class action

Sono 117 le donne che negli Stati Uniti hanno intentato una causa contro la Qualitest Pharmaceuticals. 94 di loro sono rimaste incinta dopo aver preso una pillola “sbagliata”. Il problema: un errore nelle pillole anticoncezionali che avrebbe provocato gravidanze indesiderate. Le mamme loro malgrado sono di 28 diversi Stati e la class action riguarda la

Alto