Archivi tag: bellezza

La bellezza sta all’estero? Quella grande no, è in Italia, e voglio scoprirla

La bellezza sta all’estero? Quella grande no, è in Italia, e voglio scoprirla

Giusto di ritorno da sei mesi di studio all’estero, in Inghilterra per la precisione, mi sono ritrovata a girare diverse città italiane nell’arco di poche settimane. Per prima Venezia, ospite della incantevole Palazzina Grassi, quindi Siena, la mia Bologna e Mantova. Già sapevo e già ero convinta che l’Italia fosse meravigliosa, ma non me ne

Aperto Cosmoprof 2018: come diventare più belle, 2.776 espositori a Bologna

Cosmoprof Worldwide 2018, la più importante fiera al mondo dedicata alla bellezza, ha aperto ieri in anteprima a Bologna (stamattina il taglio ufficiale del nastro). I numeri: 2.776 espositori da ogni parte del mondo. Il 7,5% in più rispetto al 2017. La filosofia di Cosmoprof? Non esiste imperfezione estetica, anche la più infinitesimale, che non

Cosmoprof: cellulite addio e tanti look alla moda in mostra a Bologna

Donne tremate, gli anni Ottanta non sono mai passati di moda. Soprattutto per i capelli. Le ultime tendenze in fatto di hair style registrano il ritorno del famigerato frisé ed il volume. Entrano tra i classici delle acconciature le onde, dalle beach waves a quelle più strutturate. Questi e altri trucchi di bellezza sono il piatto

Dalla bava di lumaca e al latte d’asina: la bellezza “bio” che piace agli italiani

I rimedi naturali per le cure di bellezza piacciono agli italiani, almeno in base a un’indagine di Ipr marketing presentata da Coldiretti all’agribeauty innovativa del contadino ad Expo nel padiglione “No farmers no party”. E più nello specifico, a preferirli è una percentuale rilevante degli intervistati, il 71%, che li predilige ai prodotti commerciali. Quali

La Sapienza, bufera sul concorso di bellezza, il rettore: “Non mi pento”

È bufera sul rettore dell’Università La Sapienza di Roma, che lo scorso 6 maggio ha partecipato come giurato a Roma alla selezione di Miss Università, premiando la vincitrice. Ma dopo la lettera aperta delle ricercatrici e l’avvio della petizione su change.org indirizzata proprio a lui, Eugenio Gaudio, affinché si penta e chieda scusa a tutte

Alto