Archivi tag: alzheimer

Sean Connery morto a 90 anni, negava di avere l’Alzheimer

Sean Connery morto a 90 anni, negava di avere l’Alzheimer

Mai titolo fu più azzeccato: Highlander non è solo il suo film del 1986 in cui interpreta un maestro d’armi spagnolo immortale come il suo allievo Chris Lambert, ma è l’emblema di Sean Connery, da 007 a un’icona che non sbiadisce. Creato baronetto nel 2002 nonostante le sue dichiarate simpatie indipendentiste per l’amata Scozia, Sean

Alzheimer, scoperta da italiani la molecola che blocca la malattia

Scoperta dai ricercatori della Fondazione EBRI ‘Rita Levi-Montalcini’ una molecola che ‘ringiovanisce’ il cervello bloccando l’Alzheimer nella prima fase: è l’anticorpo A13, che ringiovanisce appunto il cervello favorendo la nascita di nuovi neuroni e contrastando così i difetti che accompagnano le fasi precoci della malattia. Lo studio è stato effettuato su topi che, così trattati,

Alzheimer: scoperto il meccanismo che blocca la memoria

C’è una importante novità nella ricerca sull’Alzheimer. Per la prima volta in uno studio su pazienti, è stato scoperto da scienziati italiani il ruolo chiave di una piccola regione cerebrale, l’area tegumentale ventrale, nella malattia. Se questa area (che rilascia una importante molecola “messaggera” del cervello, la dopamina) funziona poco, ne risente il “centro” della

Otturazioni addio: il dente ricrescerà da solo, grazie a un farmaco per l’Alzheimer

Clamorosa scoperta per milioni di italiani (e non solo). In futuro le otturazioni potrebbero essere messe da parte da una nuova semplice cura contro le carie: un farmaco sviluppato e testato per l’Alzheimer (Tideglusib) aiuta i denti “mangiati” dalla carie a ricrescere naturalmente. I ricercatori inglesi artefici di questa scoperta, dopo una serie di sperimentazioni

Uccise la moglie di 88 anni con l’Alzheimer, la Cassazione: 7 anni e 8 mesi

Confermata dalla Cassazione la condanna a sette anni e otto mesi di reclusione, senza concessione dell’attenuante di aver agito per motivi di particolare valore etico, nei confronti di un pensionato che nel 2014 a Firenze uccise la moglie di 88 anni afflitta da Alzheimer. Per la Corte, sull’eutanasia non c’è ancora nella società “un generale

Alzheimer, in Italia 600.000 malati, i familiari: “Assistenza insufficiente”

Il morbo di Alzheimer, la più comune forma di demenza, rappresenta una delle sfide sanitarie più grandi del nostro secolo e viene definita dal G8 come una priorità, con l’ambizione di trovare una cura entro il 2025. La Giornata mondiale della malattia di Alzheimer si celebra oggi, giovedì 21 settembre. Questa la situazione in 4

Ricerca Usa: il cervello delle donne è più attivo di quello degli uomini

Il cervello delle donne è molto più attivo rispetto a quello degli uomini, soprattutto nelle aree coinvolte nel controllo degli impulsi e in quelle legate alle emozioni. La notizia arriva dall’analisi di oltre 46.000 immagini della funzionalità del cervello di 119 volontari sani e oltre 26.000 persone con disturbi psichiatrici. L’origine di malattie come l’Alzheimer

Alzheimer, scoperta italiana: all’origine la morte dei neuroni dell’umore

Scoperta l’origine dell’Alzheimer: non è nell’area del cervello associata alla memoria che va cercato il responsabile del morbo. All’origine della malattia ci sarebbe, invece, la morte dei neuroni nell’area collegata anche ai disturbi d’umore. A mettere a punto la scoperta che promette di rivoluzionare l’approccio alla “malattia del secolo”, uno studio italiano pubblicato su Nature

Alto