Archivi tag: 35 anni

Uno dei due americani: “Sono stato io”, una storia di droga

Uno dei due americani: “Sono stato io”, una storia di droga

Uno dei due cittadini Usa, fermati ieri per l’omicidio del vicebrigadiere Mario Cerciello Rega, ha ammesso le sue responsabilità affermando di essere lui l’autore materiale dell’accoltellamento. Si tratta della persone con i capelli mesciati apparsa in una foto e ripreso da alcune telecamere (i due ragazzi li vedete nella foto in basso). In cerca di

Modena, l’ossessione della zia suicida con il nipotino: “Devo salvarlo”

Diceva di volerlo salvare, ma non si sa bene da cosa. E spesso ripeteva al bar Nevada in strada Vaciglio, a Modena: “Prendo il bambino e scappo”. Potrebbe stare in queste parole la decisione di Silvia Pellacani, ingegnere informatico di 47 anni che domenica scorsa, 17 marzo, si è lanciata dal decimo piano del condominio

Omicidio di Ashley Olsen: confermata la condanna a 30 anni per l’assassino

La Corte di Cassazione, nella tarda serata di ieri, ha respinto, giudicandolo inammissibile, il ricorso della difesa del senegalese Cheik Diaw confermando così nei suoi confronti la condanna inflitta in appello a 30 anni di reclusione per l’omicidio volontario della statunitense Ashley Olsen, 35 anni, trovata morta il 9 gennaio 2016 nella sua casa di

Oggi a Roma il “Rino Gaetano day” a 35 anni dalla morte del grande cantante (video)

Trentacinque anni fa moriva, precocemente, il grande Rino Gaetano, che ha lasciato una traccia profonda nella musica legegra italiana. E oggi, in piazza Sempione a Roma, si terrà il Rino Gaetano Day con il concerto della Rino Gaetano Band, la cover band nata, molti anni fa, da un’idea di Anna Gaetano – sorella del cantautore

Marcello Torre, il sindaco assassinato, ricordato 35 anni dopo dai detenuti di Eboli

“Il vuoto che lasciano gli omicidi di camorra va  colmato  di umanità e impegno civile”: così si conclude la performance teatrale scritta, sceneggiata e rappresentata dai detenuti del carcere di rieducazione Iccat di Eboli (Salerno), che  operano da  anni dentro la struttura carceraria  in un laboratorio teatrale e hanno  voluto aprire la  giornata  del trentacinquesimo

Alto