Vivere sostenibile articoli

vuoto a rendere

Torna il vuoto a rendere, da gennaio cauzione su bottiglie e lattine

Torna il vuoto a rendere, da gennaio cauzione su bottiglie e lattine

Dopo l’addio a piatti e bicchieri usa e getta, ecco che torna il vuoto a rendere per bottiglie e lattine in plastica, vetro e metallo. La novità è stata introdotta nel decreto Semplificazioni convertito in legge quest’estate, che contiene una serie di articoli per incentivare negozi e locali pubblici in generale a promuovere il deposito

Close the gap

Close the Gap, Coop avvia corsi di formazione per le donne delle filiere agricole

Un altro passo per Close the Gap, la campagna di Coop per promuovere l’inclusione di genere. Dopo la formazione dei dirigenti, il gruppo cooperativo ha avviato il progetto di formazione delle lavoratrici nelle filiere agricole di prodotti a marchio con occupazione femminile. Lo scopo è quello di fornire strumenti per far crescere la consapevolezza nelle

creme solari

Creme solari, guida alla scelta delle più sostenibili

Le creme solari possono salvarci dai tumori della pelle, ma provocare danni alle acque marine. Una conferma arriva da una ricerca dell’Università di Cantabria, che ha mostrato come, specie dopo l’esposizione ai raggi ultravioletti del sole, questi prodotti rilasciano tracce di metalli e nutrienti inorganici in grado di sconvolgere l’ecosistema marino.   Occhio all’etichetta Lo

Microplastiche e detersivi, il test promuove la tabs

Vuoi rispettare l’ambiente ed evitare che le tue abitudini contribuiscano al rilascio di microplastiche nelle acque? Altroconsumo ha effettuato un test che rivela quali sono i prodotti di lavaggio più ecocompatibili da questo punto di vista. E il risultato promuove a sorpresa le tab per lavastoviglie. L’indagine si inserisce all’interno del progetto Clean, finanziato dal

Il video accusa di Greenpeace: “Altro che riciclo, la plastica usata finisce nel Sud del mondo”

“Oltre al Regno Unito tante altre nazioni europee, inclusa l’Italia, continuano a inviare ingenti quantità di materie plastiche non riciclabili in Turchia e in altre nazioni del Sud del mondo, non dotate di impianti adeguati per il trattamento e con norme ambientali non rigorose”. L’accusa è di Greenpeace, che ha pubblicato un video accusa per

Alto