Salute articoli

bonus terme

Bonus terme, al via le prenotazioni dal 28 ottobre, fino a 200 euro a testa

Bonus terme, al via le prenotazioni dal 28 ottobre, fino a 200 euro a testa

Bonus terme, si parte. Il 28 ottobre sarà online la piattaforma di Invitalia dedicata a chi vuole approfittare del beneficio, e si potrà consultare l’elenco dei centri termali dove utilizzare direttamente fino a 200 euro per il trattamento. Il voucher potrà essere utilizzato a partire dall’8 novembre.   L’alert di Federterme Nel frattempo, Federterme, associazione

Biossido di titanio

EFSA: Il colorante bianco biossido di titanio è genotossico

  Il biossido di titanio, colorante alimentare bianco, può avere effetti genotossici. In altre parole, può danneggiare il Dna e avere effetti cancerogeni. È quanto ha concluso l’EFSA, Autorità europea per la sicurezza alimentare. Biossido di titanio, una minaccia nota L’additivo alimentare biossido di titanio (E 171), impiegato soprattutto in prodotti da forno, dolciumi e integratori,

L’Ecdc europeo: niente mascherine e distanze tra vaccinati

Tra vaccinati è possibile eliminare distanziamento e mascherine. Lo sostiene l’Ecdc, il Centro europeo per il controllo delle malattie, nel documento pubblicato a fine aprile, che contiene le raccomandazioni sulle precauzioni da prendere contro il contagio da Covid 19. Parliamo naturalmente di raccomandazioni, nei singoli stati europei restano in vigore al momento le regole che

Covid, le nuove linee guida sulle cure a casa: sì agli antinfiammatori

Il ministero della Salute ha pubblicato la circolare con le linee guida aggiornate per le cure domiciliari dei pazienti Covid. Diverse le novità rispetto al precedente documento di novembre, prima tra tutte la raccomandazione di assumere farmaci antinfiammatori non steroidei Fans (come il nimesulide) all’esordio dei primi sintomi, in alternativa al paracetamolo.   Nuove evidenze

Lo studio: con Astrazeneca e Pfizer protetti già con la prima dose

Il rischio di ammalarsi di Covid scende di quasi due terzi già con una dose di vaccino AstraZeneca o Pfizer. A rivelarlo uno studio dell’Università di Oxford in collaborazione con l’Office for National Statistics, che ha analizzato i risultati dei test del Covid su più di  350 mila persone nel Regno Unito tra dicembre e

Alto