Stay hungry, stay in forma articoli

Ciliegia per l’insonnia, albicocca per l’abbronzatura e melone per aiutare le vene

Ciliegia per l’insonnia, albicocca per l’abbronzatura e melone per aiutare le vene

Dopo aver parlato delle proprietà terapeutiche e nutritive di fragole, cocco e anguria è doveroso fare una disamina e omaggiare altri tre frutti “estivi” che riempiranno le nostre tavole da ora fino al termine della calda stagione. Ciliegie, albicocche e meloni saranno grandi protagonisti dei mesi che ci stiamo apprestando a vivere. Ed è giusto

Cocco, anguria e fragole: tutte le proprietà di questi frutti estivi

“Una mela al giorno toglie il medico di torno”. Quante volte abbiamo ascoltato questo detto? Detto che, come tale, ha un’ampia dose di verità: la mela ha parecchie proprietà terapeutiche, tra le quali la capacità di abbassare il colesterolo “cattivo”, e ridurre il rischio di tumore negli assidui consumatori. La mela fa bene quindi, ma

Il segreto è l’alimentazione, chiedete al celiaco Nole Djokovic

Messaggio agli sportivi: se doveste arrivare in un punto della vostra “carriera” (più o meno stellare) in cui non riuscite più a migliorare, non mollate! La possibilità di raggiungere il massimo anche quando meno l’aspettate può essere dietro l’angolo. Basta crederci e soprattutto tentare di cambiare, che si sa, è il tentativo più arduo. Capita

La dieta rapida 5:2, funziona? Sì, ma non con gli sportivi!

Tra tante diete propinate e buttate nel calderone negli ultimi tempi, il regime alimentare del dottor Michael Mosley ha di certo destato la mia attenzione. Si chiama dieta rapida 5:2 o dieta del digiuno intermittente. È diventata famosa perchè personaggi del calibro di Angelina Jolie (nella foto) e Ben Affleck l’hanno provata e sponsorizzata al

Accoppiati e infelici per stare in forma?

Giorni fa mi sono imbattuto nella lettura di uno studio condotto dagli psicologi della Ohio University: le donne sole ingrassano più facilmente delle altre. Il titolo del pezzo mi ha incuriosito e sono andato a fondo. Secondo questi studiosi, che hanno portato avanti l’indagine su 42 donne, la percentuale di grelina (l’ormone che stimola l’appetito)

Alto