Storia e Memoria articoli

Enrico Berlinguer: un milione ai funerali 36 anni fa

Enrico Berlinguer: un milione ai funerali 36 anni fa

Povero cronista, ma che vuoi raccontare? E da dove cominci a parlare di fatti e di emozioni se un mare di persone ha aspettato anche dieci ore – sotto un sole sempre più torrido – qui a San Giovanni per dare l’ultimo saluto al compagno Enrico? E com’è che ora lo chiamano tutti Enrico e

Paolo Volponi su Berlinguer: “Ora riconosce il suo valore anche chi lo denigrò”

Il 12 giugno 1984, esattamente 36 anni fa, Enrico Berlinguer aveva cessato di vivere da sole 24 ore. In tutta Italia si organizzano pullman di compagni e di cittadini per quelli che saranno, il giorno dopo, gli immensi funerali di piazza San Giovanni. A Botteghe Oscure si apre la camera ardente, che vedrà un flusso

Enrico Berlinguer: Botteghe Oscure 11 giugno 1984

Dal balcone spunta la grande bandiera rossa listata a tutto. La bandiera incespica, non vuole salire a mezz’asta; l’ostacola un alito di vento assieme all’emozione di chi deve esporla. Poi sale e si gonfia nascondendo gli occhi lucidi di Alessandro Natta, il volto scosso e chiuso nel dolore di Nilde Jotti, la faccia severa degli

Piazza Fontana: 50 anni dopo la strage i nomi dei colpevoli in un libro

I feriti nel massacro di piazza Fontana furono 88, I morti, invece, 17. È il bilancio della strage che 50 anni fa, il 12 dicembre 1969, inaugurò una stagione ricordata come quella della strategia della tensione. L’espressione la coniò 6 giorni prima che la bomba esplodesse un giornalista anglosassone, Leslie Finer, che lavorava per il

11 settembre, sono già 18 anni, New York ricorda i 3.000 morti

18 anni dopo, tra le polemiche per i falliti negoziati di pace con i talebani e il loro invito segreto a Camp David, dove i leader americani si incontrarono dopo l’attentato per rispondere ad Al-Qaida, sostenuta dagli insorti afghani, ancora una volta New York ricorda i quasi tremila morti degli attacchi alle Torri Gemelle nel

Hiroshima: davanti a 50.000 persone il 74° anniversario della prima bomba atomica

A 74 anni dal disastro nucleare i rintocchi della campana nel parco del Memoriale della Pace di Hiroshima hanno scandito il tradizionale minuto di raccoglimento alle 8:15 del mattino, per ricordare l’orrore della prima bomba atomica sganciata dagli Stati Uniti sulla città diventata simbolo della catastrofe provocato dall’uomo.   50.000 presenti alla cerimonia Circa 50.000

Alto