Sentenze articoli

3 ergastoli agli Spada: associazione mafiosa

3 ergastoli agli Spada: associazione mafiosa

Tre ergastoli e riconoscimento dell’associazione mafiosa. È questa la sentenza dai giudici della Corte d’Assise di Roma nel maxi-processo ad appartenenti al clan Spada. I tre ergastoli Ergastoli per i capi Carmine Spada, detto Romoletto, per Roberto Spada, già condannato per la vicenda della testata ad un giornalista della Rai e per Ottavio Spada, detto

Lega: truffa prescritta, resta la confisca dei 49 milioni

Prescritto il reato di truffa per Umberto Bossi e Francesco Belsito. Quest’ultimo resta responsabile del reato di appropriazione indebita: per lui ci sarà in questo caso la rideterminazione della pena in Appello. Lo ha deciso la Cassazione che si è pronunciata in merito al processo sulla truffa ai danni dello Stato per i rimborsi elettorali.

Omicidio Lidia Macchi, dopo 3 anni di carcere assolto Stefano Binda in appello

La Corte d’Assise d’Appello di Milano ha assolto Stefano Binda, 51 anni, imputato per l’omicidio di Lidia Macchi, la studentessa di 21 anni uccisa nel gennaio 1987, in un bosco a Cittiglio, nel Varesotto. I giudici hanno respinto la richiesta del sostituto pg Gemma Gualdi, che aveva proposto di confermare la sentenza di carcere a

Montante, ex Sicindustria, condannato a 14 anni

Il gup ha condannato in abbreviato Antonello Montante a 14 anni di reclusione. L’ex presidente di Sicindustria, la Confindustria siciliana, segnalatosi per la lotta alla mafia, era accusato in realtà di associazione per delinquere finalizzata alla corruzione e accesso abusivo a sistema informatico. L’uomo, per anni indiscusso e potente, sarebbe stato al centro del cosiddetto

“Tempesta emotiva”: Michele Castaldo tenta il suicidio in carcere, è grave

Ancora un tragico sviluppo nella vicenda della “tempesta emotiva” di cui tanto si è discusso nei giorni scorsi. È ricoverato in gravi condizioni nel reparto di rianimazione dell’ospedale di Ferrara, dopo aver tentato il suicidio in carcere, Michele Castaldo, l’uomo di 57 anni, reo confesso dell’omicidio della ex compagna Olga Matei, il cui caso aveva

Due omicidi di Pordenone, confermato l’ergastolo per Giosué Ruotolo

È stata confermata dalla Corte d’assise di Appello di Trieste la condanna all’ergastolo inflitta in primo grado a Giosuè Ruotolo, accusato del duplice omicidio della coppia di fidanzati, Teresa Costanza (nella foto sotto) e Trifone Ragone, uccisi a colpi di pistola la sera del 17 marzo 2015 nel parcheggio del palazzetto dello sport di Pordenone.

Alto