Muore d’infarto Fausto Mesolella, chitarrista storico degli Avion Travel (video)

È morto d’infarto Fausto Mesolella, chitarrista, compositore, componente storico della Piccola Orchestra Avion Travel guidata da Peppe Servillo con cui vinse al Festival di Sanremo nel 2000 con Sentimento.

Aveva 64 anni perché era nato a Caserta il 17 febbraio 1953. È morto ieri pomeriggio nella sua città dopo essere stato colto da malore a Macerata Campania, dove abitava. Inutili i soccorsi chiamati dalla moglie e l’intervento del medico chiamato d’emergenza. Già qualche anno fa era già stato colpito da infarto.

La notizia data da Red Ronnie

La notizia è stata lanciata su Twitter da Red Ronnie, che ha scritto: “Ciao @faustomesolella Sono allucinato. Com’è possibile?!? Ci incontreremo sicuramente nell’altra dimensione”), la notizia della morte è stata poi confermata da fonti vicine alla famiglia.

Con la chiatarra da adolescente

Fausto Mesolella comincia a suonare la chitarra da adolescente, quando ha 12 anni.

Nella biografia sul suo sito ufficiale, si specifica: “Suona tutti i giorni feriali e festivi dalle 16.30 alle 17.30, durante l’ora di ricreazione consentita in un convitto nazionale, che frequenterà per molti anni”.

Alla domanda su che cosa rappresentasse quello strumento, Mesolella non aveva esitazioni: “Il termine compagna di vita per la mia chitarra è davvero molto indicato e, in quanto tale, dovrà esserlo fino alla fine, spero!”.

Nel 1968, il 4 agosto, Mesolella afferma di essere ufficialmente diventato un professionista: suona con il suo primo gruppo, i Condor, e l’occasione è particolare: il matrimonio di Ugo, il parrucchiere che taglia i capelli ai suoi compaesani, in via Roma, a Caserta.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto