Oggi in sciopero i giornalisti di Mattino, Messaggero e Gazzettino

Dopo i poligrafici e gli amministrativi, ora tocca ai giornalisti. Sono quelli che lavorano per le testate del gruppo Caltagirone, il Messaggero di Roma, il Mattino di Napoli e il Gazzettino di Venezia, che si dichiarano “al fianco dei colleghi poligrafici impegnati in una durissima vertenza”. Vertenza scatenata dall’editore “in maniera unilaterale ha trasferito a società terze pezzi della filiera produttiva editoriale procedendo a cambiare il contratto di lavoro di riferimento”. Il che si traduce in uno sciopero indetto per oggi, giovedì 31 marzo.

“Smantellate regole e diritti fondamentali”

In una nota dei giornalisti pubblicata sul sito della Fsni (Federazione nazionale della stampa), si aggiunge che i cronisti “sono convinti che lo smantellamento di regole, diritti fondamentali, tutele collettive, patrimonio sociale e civile del Paese e che garantiscono una prassi sindacale costruttiva e responsabile, non possa né ora né mai essere contrabbandato come risposta alla crisi del settore”.

“Mancano rilancio e investimenti”

Tra le accuse mosse al gruppo Caltagirone, c’è la mancanza di volontà di “affrontare con una reale strategia di rilancio e di investimento di ampio respiro la sfida futura per una informazione di qualità su carta e su web, limitandosi a manovre di piccolo cabotaggio calibrate sul taglio dei costi, in particolare del personale, invece di valorizzare al meglio le diverse professionalità coinvolte nel confezionamento del prodotto giornale”.

Oggi niente giornali in edicola: in sciopero poligrafici e amministrativi, le notizie del 25 marzo 2016

Oggi, venerdì 25 marzo, i quotidiani non sono in edicola. Partendo dalla vertenza che riguarda i giornali del gruppo Caltagirone (Il messaggero, Il gazzettino, Il mattino, Leggo, Corriere adriatico, Nuovo quotidiano di Puglia e In città), lo sciopero nazionale è decisamente più ampio e riguarda poligrafici e amministrativi di testate di altri editori, come Corriere della sera, La stampa, Il sole 24 ore, Repubblica e Il manifesto.

Agitazione trasversale ai gruppi editoriali

Questo perché l’agitazione indetta da Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil è diventata trasversale con uno scopo specifico: “Sostenere la trasformazione e l’innovazione del contratto nazionale di lavoro rispetto ai cambiamenti che le diverse piattaforme digitali (internet, mobile, tablet, ecc.) hanno portato alla comunicazione e alla informazione”.

Versioni digitali saranno comunque aggiornate

Non essendo coinvolti i giornalisti nello sciopero, molte piattaforme digitali saranno comunque aggiornate. “Scioperiamo contro l’atteggiamento di editori come il Gruppo Caltagirone”, prosegue la nota congiunta dei sindacati, “che in barba a tutte le regole del settore pensano di fare concorrenza sleale utilizzando un diverso contratto nazionale di lavoro. Scioperiamo contro chi utilizza i licenziamenti per raggiungere scopi legati al profitto destrutturando le regole; contro chi precostituisce società ad hoc per il trasferimento forzoso del personale”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto