Falsi vini Doc e Igp, blitz dei Nas in diverse province e in una cantina del Nord-Est

È dalle prime ore di oggi che in una dozzina di  province Pordenone, Udine, Treviso, Venezia, Padova nel Nordest e anche di Reggio Emilia, Modena, Ravenna, Firenze, Livorno, Napoli, Bari e Foggia.

I carabinieri del Nas di Udine e i tecnici dell’Ispettorato repressione frodi, hanno perquisito – su disposizione della Procura di Pordenone – una cinquantina tra cantine, distillerie, imprese agricole, abitazioni e ditte di trasporto.

Perquisita la cantina di Rauscedo
I Nas  contrastano così  frodi ed illeciti ai danni dei consumatori e tutelano le Doc nel settore vitivinicolo. Da quanto si apprende gli indagati sono una decina. Gli accertamenti  sono volti ad acquisire elementi di prova relativi a comportamenti fraudolenti, messi in atto – secondo i carabinieri dei Nas – in una cantina della provincia di Pordenone. A questo proposito i Nas avrebbero  perquisito la “storica” cantina Rauscedo di San Giorgio della Richinvelda: i militari indagano sulla presunta produzione e immissione in commercio di enormi quantità di vini che, pur non costituendo un pericolo per la salute del consumatore, sono stati qualificati con più Dop e lgp.
Violazione delle norme sui Dop e Igp
Questo in violazione delle norme dei disciplinari quindi vini  ottenuti con uve prodotte ben oltre i limiti massimi di resa e con una gradazione naturale inferiore ai valori previsti dai disciplinari. Inoltre, alcuni vini sono stati qualificati con nomi diversi da quelli reali.
“No comment” della cantina
“Nessun commento finché non avremo preso atto delle accuse, ma si chiarirà tutto”: dicono i vertici della Cantina di Rauscedo . Le accuse che sono state mosse a una cinquantina di persone e in gran parte si tratta di soci-coltivatori che conferiscono le uve e poi di alcuni dei rappresentanti legali della Cantina. Da quanto si è appreso, sarebbero per la maggior parte agricoltori che operano tra le province di Pordenone – area di residenza di quasi tutti gli indagati – e Udine.
Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto