Sea Watch a Catania: i 47 migranti accolti in 8 Paesi, abbracci all’attracco

Dopo tanto peregrinare, è arrivata in mattinata a Catania la Sea Watch: poco dopo le 10, è entrata nel porto e l’imbarcazione verrà sequestrata dalla magistratura. Sono le novità confermate dalla capitaneria del capoluogo etneo che già aveva fornito informazioni sul guasto che ha bloccato la nave della Ong tedesca a Siracusa. Problemi al verricello dell’ancora, infatti, avevano impedito di anticipare l’arrivo e l’imbarcazione era rimasta alla fonda al largo della costa aretusea.

L’annuncio del governo

Nel frattempo è giunta la conferma che i 47 migranti – di cui 15 minori – saranno accolti da 8 Paesi, l’Italia più altri 7. “Si è aggiunto anche il Lussemburgo e lo ringrazio”, ha detto il premier Giuseppe Conte. “Missione compiuta! Ancora una volta, grazie all’impegno del governo italiano e alla determinazione del Viminale, l’Europa è stata costretta a intervenire e ad assumersi delle responsabilità”, ha commentato il ministro dell’Interno, Matteo Salvini.

La gioia dei passeggeri

I minori resteranno nel capoluogo etneo, dove ci sono strutture adeguate, mentre gli adulti saranno trasferiti in pullman nell’hotspot di Messina. Appena le manovre sono finite i migranti a bordo hanno festeggiato l’arrivo abbracciandosi tra di loro e abbracciando anche i componenti dell’equipaggio della nave della Ong tedesca battente bandiera olandese.

I parlamentari del Pd allo sbarco

“In un colloquio con l’ammiraglio della Guardia costiera di Catania abbiamo appreso che i migranti imbarcati sulla nave Sea Watch 3 saranno fatti scendere a terra”. Lo dicono Mauro Del Barba e Roberto Rampi, parlamentari del Partito democratico, che si trovano a Catania in attesa delle operazioni di sbarco. “Siamo stati informati – aggiungono – che i migranti della Sea Watch 3 toccheranno terra in un luogo non accessibile. Abbiamo per questo chiesto l’autorizzazione a poter assistere alle operazioni di sbarco in modo da verificare le loro modalità e controllare le condizioni dei passeggeri”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto