Lotta al cancro: appuntamento in piazza con le arance dell’Airc (video)

Sono pronte 675 tonnellate di arance. Sono quelle che sabato 30 gennaio sono approdate in 2.500 piazze italiane per l’iniziativa Le arance della salute dell’Airc (Associazione italiana per la ricerca sul cancro) giunta all’appuntamento numero 27. Sono state vendute in confezioni da 2,5 chili da 15.000 volontari al prezzo di 9 euro. E accanto c’è stato spazio, sempre sabato 30 gennaio, per un’altra iniziativa, “Muoviamoci contro il cancro”, consigli su attività fisica e ricette per una sana alimentazione.

“Il futuro sarà nell’alimentazione su misura”

“Il futuro sarà un’alimentazione ‘sartoriale’, confezionata su misura”, spiega Antonio Moschetta, ricercatore Airc all’università di Bari. “Parlare di calorie non ha senso perché oggi sappiamo che ciascun alimento ha un effetto diverso in base alla persona che lo riceve. Le arance della salute sono importanti perché sono un simbolo e ci ricordano l’importanza della tavola e dell’alimentazione”. Insieme a lui e al neo-direttore scientifico dell’associazione Federico Caligaris Cappio, presentando l’iniziativa a Milano, c’era anche Mario Palmisano, il campione di canottaggio a cui è stato diagnosticato nel 2011 un osteosarcoma e oggi testimonial della campagna Airc.

Il campione di canottaggio: “Oggi sto bene, avevo un osteosarcoma”

“Invito le persone ad andare a comprare le arance camminando o dopo una corsetta”, ha detto parlando anche della sua malattia. “All’inizio mi è caduto il mondo addosso, mi sono chiesto perché proprio a me. Poi ho deciso di fidarmi dei medici e mi sono dedicato a ciò che andava fatto, come se fosse un mondiale di canottaggio. Ho sempre pensato che quel momento dovesse essere una parentesi, che non poteva essere la fase finale”. Oggi Palmisano sta bene e fa l’allenatore di giovani sportivi.

Donati 104 milioni per 614 progetti di ricerca

Rilevante il contribuito dell’Airc alla ricerca contro il cancro. Solo nell’ultimo anno ha erogato 104 milioni di euro che finanziano 614 progetti di ricerca e per 91 borse di studio. “Con le arance della salute”, ha detto il presidente Federico Caligaris Cappio, “puntiamo a raccogliere oltre 2,3 milioni per continuare ad alimentare il lavoro dei nostri circa 5.000 ricercatori impegnati quotidianamente nei laboratori di tutta Italia per rendere il cancro sempre più curabile”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto