Brescia, bimbe abbandonate in auto a 2 anni: hanno tracce di cocaina nel sangue

“Bisogna capire come sia stato possibile. Non sono valori del sangue compatibili al fumo passivo di cocaina. Se casuale, con le bambine che hanno ingerito cocaina, o volontario da parte di genitori la situazione resta allarmante”.

Il padre alle slot machine e la madre di prostituiva

Così il procuratore dei minori di Brescia Emma Avezzù (nella foto sopra) commenta la positività alla cocaina delle due bambine, di due anni e di otto mesi, abbandonate in auto una settimana fa nel Bresciano, a Borgo San Giacomo, dal padre che è poi andato a giocare alle slot machine mentre la madre si prostituiva. Le piccole si trovano ora in una comunità protetta.

Dichiarate adottabili

La procura dei minori le ha dichiarate adottabili specificando che non fossero messe in comunità con la madre. Le bambine erano state notate da un passante che le aveva viste piangere all’interno dell’auto. La più grande tentava di consolare la piccolina.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto