Ciclismo: Matteo Trentin beffato per un soffio, ma dopo 11 anni un italiano sul podio

È stato in fuga fino alla fine, ma Matteo Trentin non ce l’ha fatta a conquistare la maglia iridata del ciclismo su strada. Erano rimasti, infatti, in tre, ma sul traguardo finale l’ha spuntata il danese Pedersen, mentre l’azzurro ha dovuto accontentarsi del secondo posto.

Una disdetta, perché l’Italia stava per sfatare una “maledizione” che dura dal 2008. Peccato!

Terzo si è classificato lo svizzero Kung, anche lui protagonista della fuga decisiva, al quarto posto un altro italiano, Gianni Moscon, purtroppo sfilatosi dal gruppetto in fuga negli ultimi chilometri.

Se da un lato l’argento di Trentin sa di beffa, dall’altro l’Italia può sentirsi soddisfatta per aver riportato sul podio iridato un azzurro 11 anni dopo la doppietta oro-argento Ballan-Cunego ai mondiali 2008 di Varese.

 

L’italiano: “Stavo morendo di freddo”…

“Stavo morendo di freddo – il commento a fine gara di Trentin – è stata una corsa veramente dura. Ero venuto qui per vincere, ci sono andato vicino e mi girano per non essere riuscito a farlo.

L’ultimo giro? Ero lì che pensavo solo alla volata e sono stato battuto, anche se magari sulla carta ero il più veloce. Ma oggi Pedersen è stato il più bravo, niente da dire. Mi roderà per tutto l’anno quando lo vedrò con quella maglia. Questa sconfitta sarà dura da mandare giù ma domani da qualche parte il sole sorge lo stesso. Lo sport è questo”.

I favoriti della vigilia

Oggi giornata dedicata al Mondiale di ciclismo uomini. Si tratta di una gara in lotta anche contro il meteo, che potrebbe renderla ancora più aspra.

Le previsioni parlano di pioggia, con temperature relativamente basse tra i 12 e i 14 gradi.

Il Mondiale 2019m che si corre in Inghilterra per ben 284 chilometri, tra Leeds ad Harrogate, potrebbe chiudersi con una volata ristretta oppure con un attacco finale da parte di un finisseur.

Per i bookmakers il favorito è il giovane olandese Mathieu Van der Poel, quotato a 3.30, seguito da Peter Sagan a 5.50 e Julian Alaphilippea 7. Per quanto riguarda l’Italia il capitano designato è Matteo Trentin (nella foto), un velocista capace di resistenze su tracciati di questo tipo, quotato a 26.

Orari in tv

Diretta televisiva sia in chiaro su RaiSport Hd, canale 57 del digitale, sia su Eurosport 1, a partire dalle 9.30 del mattino. Live in streaming sia su raiplay.it che su Eurosport Player.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto