Morto Giuseppe Campos Venuti: a Bologna fu l’artefice della svolta urbanistica

Cordoglio, da parte del sindaco di Bologna, Virginio Merola per la morte dell’architetto e urbanista Giuseppe Campos Venuti scomparso a 93 anni, a quanto appreso, nel tardo pomeriggio di ieri, domenica 30 settembre. Romano di nascita, è stato protagonista per la svolta urbanistica della città emiliana – di cui era da tempo residente – negli Anni Sessanta. Campos Venuti, a lungo, è stato anche consigliere comunale e assessore all’urbanistica nella penultima giunta del sindaco Giuseppe Dozza (la giunta dei “diamanti rossi di San Petronio”, come fu definita sul settimanale L’Espresso da Camilla Cederna).

“Coraggio riformista”

“Bologna deve a Giuseppe Campos Venuti le scelte urbanistiche che, ancora oggi, la rendono una città differente, una città migliore”, sostiene, in una nota, il primo cittadino emiliano. “Dobbiamo fare tesoro del suo coraggio riformista e della libertà di pensiero che ha esercitato con tenacia e coerenza. Le mie più sentite condoglianze ai suoi figli e a tutti i familiari, perdiamo una persona che ha fatto bene alla nostra città”.

“Ho fatto ciò che amavo”

Della sua esperienza amministrativa e come urbanista, disse: “Ho fatto sempre ciò che amavo fare. Se ho lasciato qualche traccia in questa città, spero sia positiva. Volevo sinceramente che fosse così. Perché ho trovato a Bologna e nella sua regione, qualcosa che si confaceva alle mie aspettative: da un lato la tensione ideale, che ha sempre ispirato le mie scelte, e dall’altro il pragmatismo operativo, di cui ho sempre avvertito l’imperiosa necessità, perché non sono mai stato un uomo di astratta teoria e ho sempre cercato di mettere in pratica e di realizzare le cose a cui pensavo”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto