Austria, Verstappen: vittoria confermata, il sorpasso su Leclerc era regolare

Gran premio d’Austria: mancano pochi minuti alle 20 quando arriva la decisione della giuria sul Gran premio d’Austria.

La vittoria rimane a Max Verstappen della Red Bull. Charles Leclerc è secondo.

Lo hanno deciso gli steward dopo avere a lungo indagato sul sorpasso che l’olandese della Red Bull ha fatto ai danni del ferrarista monegasco al terzultimo giro con Leclerc messo fuori da un colpo di Max al gomito della curva 3.

Una decisione che lascia l’amaro in bocca non solo al giovane pilota della Ferrari.

 

Mattia Binotto: “Rispettiamo decisione sbagliata”

 

“Rispettiamo la decisione, ma è sbagliata. Bravo Verstappen, ora voltiamo pagina”: così Mattia Binotto, team principal della Ferrari, in conferenza stampa, ha parlato del verdetto della Fia che ha confermato la vittoria di Max Verstappen nel Gp d’Austria di Formula 1.

Il ferrarista Charles Leclerc è rimasto secondo nell’ordine d’arrivo. Sorrisi e soddisfazione nella Red Bull, con il team manager Horner apparso ovviamente molto soddisfatto subito dopo l’annuncio della decisione.
 

 

 

A lungo in sospeso con un comunicato fake

Dopo il Canada quindi un altro GP è rimasto a lungo sospeso prima della decisione degli steward.Il giovane pilota della Ferrai Charles Leclerc ottiene la sua prima vittoria in Formula1 grazie a un intervento della giuria, che penalizza Max Verstappen che aveva tagliato per primo il traguardo ma dopo una manovra discutibile, sanzionata dagli steward.

Convocati i piloti dopo la gara, i commissari hanno deciso di penalizzare il pilota olandese della Red Bull di 5 secondi. Il pilota monegasco quindi si vede così assegnare a tavolino la prima vittoria in carriera.

Ma, secondo Il Corriere dello sport on line, c’è un giallo. QUn comunicato ha ufficializzato la vittoria del Gp d’Austria di Leclerc, con Verstappen penalizzato e retrocesso alla seconda posizione. Il documento, però, sarebbe un falso. Da capire quindi se il pilota della Ferrari può esultare o meno. Si attende l’ufficialità per quello che è un vero e proprio giallo”, conclude il sito sportivo.

 

Verstappen taglia per primo il traguardo

 

Vittoria a portata di mano per Charles Leclerc al Gran premio d’Austria. Ma negli ultimi giri lo sorpassa la Red Bull di Max Verstappen.
La gara è comunque sotto investigazione. Vedremo più tardi se arrivano sanzioni per un confronto ravvicinato tra il pilota della Red Bull e quello della Ferrari.

I due piloti classificatisi al primo e secondo posto sono stati subito dopo la fine della gara convocati dalla giuria.

Al terzo posto si è classificato Bottas, su Mercedes. Quarta la Ferrari di Sebastian Vettel, anche oggi protagonista di uno strano infortunio ai box, quinta la Mercedes di Hamilton, oggi fuori fase.

Molto chiaro Mattia Binotto (mella foto in basso), team manager della Ferrari, dopo la gara: “L’infrazione di Verstaopen – ha aggiunto – è stata evidenbte. Aspettiamo che la giuria ci restituisce le nostre ragioni”.

 

La Pole di Leclerc

Una nuova Pole position per Charles Leclerc. Il giovane pilota stabilisce, con la sua seconda Pole in carriere, anche il nuovo record della pista austriaca di proprietà della Red Bull.

Il pilota della Ferrari ha chiuso le qualifiche in 1’03″003 davanti alla Mercedes del campione del mondo Lewis Hamilton e alla Red Bull di Max Verstappen. Quarta l’altra Mercedes di Bottas.

Ma la giuria ha poi penalizzato Hamilton, che aveva danneggiato Raikkonen durante il giro per la Pole. Il pilota inglese della Mercedes è stato retrocesso al quinto posto, ma è risalito al quarto in virtù di un’altra penalizzazione, mentre Max Verstappen che guida per la Red Bull, padrona del circuito, partirà dal secondo posto, a fianco di Leclerc.

 

LA NUOVA GRIGLIA

Bravi Kimi Raikkonen e Antonio Giovinazzi, al settimo e ottavo posto con l’Alfa Romeo.

Partirà dal 9° posto in griglia, invece, Sebastian Vettel, che ha avuto problemi alla sua Power Unit.

Il gran premio parte oggi, domenica 30 giugno, alle 15,10. Diretta su SkyF1.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto