Agente si sente vessato dal suo comandante, l’uccide e si suicida

San Donato Milanese: sparatoria ancora senza spiegazioni ieri pomeriggio nel comando della polizia locale, nel palazzo del comune di via Cesare Battisti (nella foto in basso).

L’agente omicida-suicida si chiamava Massimo Schipa, aveva 52 anni, la vittima è il vice-comandante Massimo Iussa (nella foto in apertura con il bel cagnone), 49 anni, ucciso con un colpo sparato dritto al petto.

Poco dopo le 15 di ieri, secondo le primissime informazioni, due agenti della polizia locale sono rimasti feriti entrambi in maniera gravissima. Pare che uno dei vigili abbia fatto fuoco contro il suo superiore, per ragioni ancora da chiarire, rivolgendo poi l’arma d’ordinanza contro se stesso.

Dietro la sparatoria, avvenuta attorno alle 15 , ci sarebbe una violenta lite per motivi di lavoro. Entrambi gli agenti sono morti.

L’ufficiale, un cinquantenne di poco più giovane del suo sottoposto, è stato ricoverato in condizioni disperate al Policlinico di Milano, ma è morto poco dopo. L’agente si era puntato la pistola alla testa e aveva sparato di nuovo. Anche lui è morto poco dopo il suo ricovero in ospedale.

Nello stesso stabile del Comune

Il comando dei vigili ha sede nello stesso stabile del Comune (nella foto). Sull’omicidio-suicidio ora indagano i carabinieri.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto