Sesso in un’aiuola: la donna aggredisce gli agenti che l’interrompono

Quando la passione si scatena, soprattutto se si è alzato un po’ il gomito, va lasciata sfogare, non importa dove ci si trovi. Così devono averla pensata due cittadini stranieri, inglese lui e ucraina lei, che, una volta interrotti dall’arrivo di una volante della polizia, non l’hanno presa bene. Soprattutto la donna, che alla vista degli agenti li ha insultati e minacciati. È accaduto a Trieste la notte scorsa, scenario l’aiuola di un centro commerciale, il Torri d’Europa di via D’Alviano.

L’allarme di un passante che chiama il 113

A notare la coppia è stato un passante che ha chiamato il 113. Quando i poliziotti sono giunti sul posto, oltre agli improperi della straniera, altri sono stati gli elementi che hanno portato a controllare i due, intanto denunciati per atti contrari alla pubblica decenza. La donna infatti è risultata priva del permesso di soggiorno. Guai anche per l’inglese che aveva con sé uno zaino.

Documenti prelevati da due auto forzate

Gli agenti, controllandolo, hanno trovato una carta d’identità italiana, una carta di circolazione di un veicolo sempre italiano, varie chiavi e un iPhone, oltre ad altri documenti. In breve si è scoperto che le carte e documenti provenivano da 2 auto parcheggiate poco lontano, tra via Rio Primario e in via Fianona, entrambe forzate. A una, infatti, era stato divelto un deflettore e a un’altra era stata rotta la serratura.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto