Marika scappata dai genitori naturali: “Avevo nostalgia di loro”

È durata – per fortuna – soltanto una notte la “fuga” di Marika, la tredicenne scomparsa ieri sera all’uscita dalla piscina che frequenta per il nuoto sincronizzato. La tredicenne scomparsa ieri sera a Siracusa è stata trovata a Paternò, in provincia di Catania, a casa dei genitori naturali. La ragazza è viva e sta bene. Lo conferma la polizia di Stato.

Adottata 4 anni fa

“Avevo nostalgia di loro”, ha detto Marika dopo il ritrovamento. Era stata adottata da 4 anni da una famiglia di professionisti siracusani. Secondo quanto si è appreso, la ragazza non aveva espresso l’intenzione di lasciare la famiglia adottiva, che l’ha attesa in questura.

Il padre adottivo: “Ora solo felicità”

“È stata una notte di lacrime adesso solo di felicità”, ha detto il padre adottivo. “Cosa le dirò?” ha aggiunto in attesa di riabbracciare la figlia. “Nulla: l’abbraccerò e le darò un bacio”.

Marika (nella foto in apertura e qui sopra) si era allontanata, secondo gli inquirenti, volontariamente. Era stata vista l’ultima volta alla cittadella dello sport a Siracusa dove frequenta la piscina praticando il nuoto sincronizzato.

Ha lo sguardo allegro e l’apparecchio ai denti, come tanti ragazzi della sua età. La famiglia della tredicenne di Siracusa scomparsa dalle 19 di ieri, lunedì 29 maggio, stamattina aveva deciso di diffondere la foto per favorire le ricerche.

 

Inchiesta aperta a Siracusa, la ragazza fequenta la terza media

Sulle circostanze indaga la Procura di Siracusa, che ipotizza che la tredicenne si sia allontanata volontariamente. La ragazza frequenta la terza media. Già ieri sera erano state sentite le sue amiche – sia quelle del gruppo del nuoto sincronizzato, che sono state le ultime a vederla, sia alcune compagne di classe.

Gli inquirenti avevano anche esaminato il tabulato telefonico. Stamattina il ritrovamento.
Cosa indossava al momento della scomparsa: le notizie di inizio giornata

C’è infatti profonda preoccupazione per la giovanissima vista l’ultima volta alla Cittadella dello sport a Siracusa, dove frequenta la piscina praticando il nuoto sincronizzato. Marika indossava una maglietta blu scura e un paio di jeans strappati, come va di moda ora, e portava con sé un borsone fucsia del nuoto.

Sarebbe passata da un’uscita laterale

La polizia la sta cercando, anche con l’aiuto di amici e parenti. Secondo le prime testimonianze, la ragazza è andata via rapidamente da un’uscita laterale dopo l’allenamento parlando al cellulare. Davanti all’ingresso principale invece c’era il padre che l’aspettava.

Il padre l’attendeva fuori

Marika frequenta la terza alle scuole medie Vittorini di Siracusa e viene descritta come allegra e vivace. Ha un fratello di due anni più grande e con la famiglia abita della zona Nord della città. Secondo le amiche del cuore, nei giorni scorsi avrebbe avuto qualche litigio con i compagni di scuola, ma niente che lasciasse presagire una sparizione.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto