Lucca: ha un tumore a un rene, in sala operatoria gli tolgono quello sano

Per un errore di trascrizione dopo le radiografie, un paziente sottoposto a un intervento per l’asportazione di un rene a causa di un tumore si sveglia e scopre che gli è stato rimosso l’altro, quello sano. È accaduto all’ospedale di Lucca e ne è vittima un uomo di 60 anni agli arresti domiciliari.

La scoperta al laboratorio istologico

La notizia, dopo le prime smentite al Corriere fiorentino, è stata poi la stessa Asl a confermarla annunciando una conferenza stampa per spiegare l’errore. Intanto Rischio clinico della Regione Toscana e la magistratura di Lucca stanno indagando sulla vicenda, scoperta dalle prime informazioni dai medici del laboratorio istologico. I quali, analizzando i tessuti, non hanno trovato traccia di tumori.

La proposta del trapianto “riparatore”

In attesa che venga fatta piena luce sul caso, dall’ospedale è arrivata una proposta al paziente: quella di un trapianto “riparatore” per sostituire il rene malato, l’unico rimasto, con un altro.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto