1993: ok per la nuova serie su Tangentopoli, nel cast Tea Falco e Miriam Leone

Dopo 1992, arriverà 1993 e non è escluso nemmeno 1994. Non si tratta di una progressione cronologica, almeno non solo, ma del sequel della serie andata in onda in 10 puntate su Sky Atlantic che, nelle intenzioni dei produttori, sarà una trilogia. Di certo, al momento c’è che gli autori di 1992 Alessandro Fabbri, Ludovica Rampoldi e Stefano Sardo stanno già lavorando al soggetto della nuova serie.

Confermato per intero il cast

Inoltre è confermato per intero il cast, composto da Stefano Accorsi (l’ideatore della serie che veste i panni del pubblicitario Leonardo Notte), Domenico Diele (il poliziotto sieropositivo Luca Pastore, vittima del sangue infetto), Alessandro Roja (l’agente corrotto Rocco Venturi) e Guido Caprino (il leghista Pietro Bosco reduce della prima guerra del golfo). E ovviamente ci sono anche Tea Falco, che interpreta Bibi Mainaghi, e Miriam Leone, la escort e aspirante soubrette Veronica Castello.

Rimangono le attrici più criticate

Non le hanno danneggiate dunque le critiche che sono piovute addosso alle due attrici. Tea Falco è stata attaccata per la pronuncia che ha accompagnato la sua interpretazione (con tanto di mamma che se l’è presa con un critico e lei stessa che alla fine è stata al gioco realizzando un breve video amatoriale in cui prende in giro se stessa). Con Miriam Leone, invece, se la sono presa per presunte arie da superdiva assunte dopo la messa in onda della serie e per la nudità che l’ha caratterizzata in diverse scene.

Miriam Leone protagonista anche di una fiction Rai

Nel caso di Miriam Leone, infine, c’è un altro impegno televisivo che la terrà occupata. Si tratta della serie di Rai Fiction “Non uccidere” che la vedrà a fianco di Monica Guerritore, sua madre nelle 12 puntate la cui messa in onda è prevista per il 2016 su RaiTre. Altri attori che si vedranno in quest’altro progetto sono Matteo Martari, Thomas Trabacchi e Davide Iacopini con la partecipazione di Gian Marco Tognazzi.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto