Due operai vittime del lavoro in 24 ore: uno a Firenze, l’altro a Bologna

È il secondo operai che muore in un giorno. Dopo quello di stamattina a Bologna un altro lavoratore, anxche lui napoletano, di 52 anni, è morto in un incidente sul lavoro avvenuto a San Godenzo, in Mugello (Firenze).

Da quanto spiegato dai carabinieri, l’operaio è caduto da un’altezza di circa 4 metri mentre stava lavorando a un traliccio della società telefonica Vodafone. La vittima, secondo quanto appreso, lavorava per una ditta esterna alla società telefonica.

L’incidente mortale di stamattina a Bologna

Un operaio è morto folgorato la scorsa notte mentre lavorava in area ferroviaria, per la manutenzione della linea elettrica nei pressi di “bivio Navile”, alla periferia di Bologna. La vittima aveva 56 anni, era originario di Napoli e lavorava per una ditta appaltatrice, la “Sifel”.

L’incidente all’una e quaranta della notte scorsa

L’incidente è avvenuto intorno all’1.40 della notte scorsa: l’uomo sarebbe stato folgorato da una forte scarica durante lavori di manutenzione della linea elettrica nei pressi di bivio Navile, nel nodo di Bologna.
Per accertare cause e dinamica precisa dell’incidente è stata avviata un’inchiesta interna da parte delle Ferrovie, oltre alle indagini avviate dalla Polizia Ferroviaria.

Rete Ferroviaria Italiana – in una nota – esprime il proprio cordoglio e la propria vicinanza ai familiari.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto