“Sigarette elettroniche dannose per il Dna”: gli esiti di uno studio Usa

Le sigarette elettroniche possono danneggiare il Dna, aumentando il rischio di malattie cardiache e di tumori ai polmoni e alla vescica. Lo indicano i test condotti sui topi nella New York University e pubblicati sulla rivista dell’Accademia americana delle scienze (Pnas).

Più danni per cuore, polmoni e vescica

Il gruppo guidato da Moon-shong Tang hanno osservato nei topi esposti al fumo di e-cig più danni nel Dna di cuore, polmoni e vescica, e una sua minore capacità di ripararsi. Effetti simili a quelli visti sul Dna dei topi sono stati osservati anche nelle cellule umane di polmoni e vescica in laboratorio, se esposte alla nicotina e ad un prodotto carcinogeno derivato dalla nicotina, chiamato Nnk. Nelle cellule umane è stato rilevato anche un maggior tasso di mutazione e di trasformazione in cellule tumorali. Chi adopera quindi le sigarette elettroniche è più a rischio di sviluppare tumori ai polmoni e alla vescica e malattie cardiache rispetto ai non fumatori.

Rischio di esplosione delle batterie

Le sigarette elettroniche sono inoltre state messe sotto esame dalla Food and Drug Administration, l’agenzia Usa che regola i farmaci, per il rischio di esplosione delle loro batterie. Rimandata invece la decisione sulla commercializzazione oltreoceano dei dispositivi Iqos, che scaldano il tabacco senza bruciarlo. Secondo l’Fda non ci sono ancora prove sufficienti che aiutino a ridurre il rischio di malattie da tabacco.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto