Bologna: varata la giunta Merola, Andrea Colombo paga per tutti

È stata varata ieri la nuova giunta comunale di Bologna, che si è fermata s oli 9 assessori,  perché – vittima di opposte fazioni e anche di “divieti” esterni – il riconfermato sindaco Virginio Merola (nella foto di apertura) ha deciso di tenere per sé l’assessorato alla Mobilità. In effetti, sui traporti cittadini Merola aveva già tenuto un precipitosa assemblea alla vigilia del ballottaggio, prendendo – eividentemente – impegni che l’assessore in caric anella precedente Giunta, il giovane Andrea Colombo (nella foto in basso), non intendeva sottoscrivere, pagando così anche l’ostilità di Forza Italia e di ambienti esterni all’amministrazione.

aa-colombo

Di qui, si dice, l’esclusione di Colombo dalla nuova amministrazione, che risulta così composta:

Sindaco Virginio Merola (Politiche per la mobilità, Comunicazione, Rapporti con l’Università, progetto stadio).

aa-pillati

Marilena Pillati (nella foto sopra, Vicesindaco con delega Educazione, Scuola, Adolescenti, Giovani).

Bruna Gambarelli (Cultura e progetto nuove centralità culturali nelle periferie).

Virginia Gieri (Casa, Emergenza abitativa, Affari generali, Servizi demografici, Rapporti con il Consiglio).

Valentina Orioli (Urbanistica e Ambiente).

Susanna Zaccaria (Pari opportunità e differenze di genere, diritti LGBT, contrasto alle discriminazioni, lotta alla
violenza e alla tratta sulle donne e sui minori, diritti dei nuovi cittadini).

Davide Conte (Bilancio, Finanze, Partecipazioni Societarie, Partecipazioni degli utenti al controllo della 
qualità dei servizi pubblici comunali, Personale, Semplificazione amministrativa).

Matteo Lepore  (Economia e promozione della città, Relazioni internazionali, Progetti europei, Agenda
digitale, Immaginazione civica, Patrimonio, Sport).

Riccardo Malagoli (Sicurezza, Polizia Municipale, lotta al degrado, Protezione civile, Quartieri, Lavori pubblici,
 Manutenzione del patrimonio e del verde pubblico).

Luca Rizzo Nervo (Sanità, Welfare, Innovazione sociale e solidale).

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto