Pulvirenti confessa: “Comprate 5 partite a 100.000 euro l’una” (video)

Ha ammesso davanti al gip Fabio Di Giacomo. Il presidente del Catania arrestato la settimana scorsa Antonino Pulvirenti, fa sapere il procuratore Giovanni Salvi al termine del lungo interrogatorio di oggi, “ha confermato di avere comprato le partite di calcio a partire dalla gara Varese-Catania e di averle comprate a 100 mila euro l’una”. A spingerlo la volontà di salvare la squadra di calcio dalla retrocessione dalla B, ha aggiunto Salvi, e “ha negato di avere fatto scommesse”.

L’unica partita non inclusa è quella con l’Avellino

In base alle ammissioni di Pulriventi, le partite “combinate” sono Varese-Catania, Catania-Trapani, Latina-Catania, Ternana-Catania e Livorno-Catania mentre non ha parlato di quella con l’Avellino. “Adesso completeremo le indagini anche con il contributo che abbiamo avuto da Pulvirenti”, ha detto ancora il procuratore Salvi. Ha smentito qualsiasi addebito invece Pablo Consentino, amministratore delegato del Calcio Catania, che ai magistrati ha dichiarato: “Non so nulla di combine, sono estraneo a tutti i fatti che mi contestate, se lo avessi fatto sarei stato un folle e se lo ha fatto Pulvirenti è un folle lui”. Negati anche i rapporti con gli altri indagati: “Non li conosco, tranne Delli Carri col quale avevo rapporti di lavoro” mentre per il suo avvocato le intercettazioni che lo chiamano in causa sarebbero “irrilevanti”.

La settimana scorsa gli arresti

La Figc ha aperto nel giro di qualche ora un procedimento. È accaduto dopo la notifica di 7 ordinanze di custodia cautelare a dirigenti del Catania che avrebbero comprato 6 partite del campionato di calcio di serie B, appena concluso, per consentire alla squadra di vincere ed evitare la retrocessione. Ci sono altri indagati in tutta Italia, almeno 13, ma al momento gli inquirenti non fanno i nomi perché non sono ancora stati notificati gli avvisi di garanzia, dice il questore della città siciliana, Marcello Cardona. Il Catania, a ogni modo, ha ottenuto quella che si definisce una salvezza “tranquilla”, finendo al 15° posto con 49 punti. Alle spalle degli etnei si sono classificate ben 6 squadre. Comunque stamattina sono stati posti ai domiciliari il presidente Antonino Pulvirenti, il vicepresidente Pablo Cosentino (i due sono insieme nella foto in basso) e l’ex direttore sportivo Daniele Delli Carri, assieme ad altri quattro procuratori.

aaaapulvirenticos

Gli inquirenti: “Vincolo associativo stabile”

L’inchiesta è coordinata dai pubblici ministeri Alessia Natale e Alessandro Sorrentino dalla Direzione distrettuale antimafia (Dda) di Catania e condotta da Antonella Paglialunga, dirigente della Digos. Nasce dalle denunce del presidente del Catania per questioni di tifoseria e dalla sconfitta che avrebbe dovuto decretare la retrocessione della squadra dalla B, quella con il Varese, vinta dal Catania. Di “vincolo associativo stabile” Paglialunga che aggiunge di sospetto di combine per un match nel barese, sospettato confermato dalle intercettazioni telefoniche e ambientali (nel video sotto alcune delle conversazioni ascoltate dagli investigatori). Si parlava di “treni del gol in arrivo” (“treni del gol” è anche il nome dell’operazione) per indicare i giocatori avvicinati e da avvicinare e di “orari in arrivo” in riferimento alle maglie delle squadra da “addomesticare”.

Le partite sotto la lente degli inquirenti

Tra le partite nel mirino degli inquirenti compaiono Varese-Catania 0-3, Catania-Trapani 4-1, Latina-Catania 1-2, Catania-Ternana 2-0, Catania-Livorno 1-1, Catania-Avellino 1-0 e Messina-Ischia. Il procuratore di Catania Giovanni Salvi ha spiegato che tra le altre persone indagate ci sono il proprietario del Messina Pietro Lo Monaco, l’ad Alessandro Failla e i giocatori Alessandro Bernardini (Livorno), Riccardo Fiamozzi (Varese), Antonio Daì (Trapani) e Matteo Bruscagin (Latina). Non sono indagati giocatori del Catania.

Frode in competizioni sportive e truffa

I dirigenti arrestati sono accusati, a vario titolo, di frode in competizioni sportive e truffa: avrebbero comprato le partite alterando così i risultati degli incontri del Catania e l’esito del campionato. Perquisizioni sono in corso da parte della polizia a Roma, Chieti, Campobasso e Catania. Due le fasi dell’attività illegale, secondo la Digos della città etnea: quella ideativa della combina e poi la seconda, esecutiva, con la consegna del denaro a soggetti per il pagamento del calciatore che si presume corrotto (10 mila euro gli importi pagati agli sportivi compiacenti). Una catena articolata, gerarchica e verticale, per raggiungere l’obiettivo dei dirigenti calcistici.

I nomi degli agenti coinvolti

Insieme al presidente e al vicepresidente del Catania sono stati arrestati Giovanni Impellizzeri, Piero Di Luzio, Fabrizio Milozzi e Fernando Arbotti. Tra loro due procuratori sportivi e due gestori di scommesse on line. Sono accusati di frode sportiva. Alle 11 conferenza stampa a Catania ha illustrato i particolari dell’inchiesta. Secondo l’accusa, alcune vittorie del Catania sarebbero state concordate in cambio di pagamento di denaro. Ma la presenza di due gestori di scommesse tra gli arrestati potrebbe allargare il quadro delle accuse. Se le cose stanno così, emergeranno dalle indagini i nomi di altre squadre e di altri dirigenti sportivi.

aaaclassifica

Questa la parte bassa della classifica di serie B, alla fine dello scorso campionato. I punti sono a destra, a sinistra la posizione raggiunta dalle squadre. Dopo il fallimento di ieri, il Parma non è sceso in serie B. E il Brescia non è retrocceso in C. Bisognerà vedere ora cosa accadrà col Catania per il quale in passato Pulvirenti si era scagliato contro l’operato degli arbitri, come nel caso della partita con la Juventus a cui il video sotto si riferisce.

Il presidente della serie B: “No a campionato invalidato”

Il presidente della Lega di Serie B Andrea Abodi a Sky TG24 HD ha detto che “il rischio di invalidare il campionato non esiste. Per definizione la responsabilità è individuale, quindi risponde chi paga”. E ha aggiunto: “La situazione è circoscritta anche se indubbiamente c’è un’incidente sulla competizione stessa. A questo punto mi auguro soltanto che, al di là della competizione che si è appena chiusa, si possa riaprire la nuova sotto gli auspici migliori e che ci sia un processo che velocemente ci consenta di iniziare la competizione”. Poi, su Twitter, ha aggiunto: “Mi avessero dato una coltellata mi avrebbero fatto meno male.Ma adesso c’è solo voglia di reagire e aumentare l’impegno e la responsabilità”.

Le reazioni dei tifosi su Facebook

Subito, in rete e soprattutto su alcune pagine Facebook, sono apparse le reazioni delle tifoserie del Catania, che scrivono: “Onore a noi che non ci siamo venduti. Che non ci siamo girati dall’altra arte. Che abbiamo denunciato il disastro Catania già un anno fa. Che nonostante le critiche di molti siamo andati avanti lo stesso. Oggi è un giorno triste ma dobbiamo avere la consapevolezza che ci siamo comportati secondo coscienza. Perché difendere i nostri colori è anche denunciare quello che non va, non chiudere gli occhi. Il prezzo da pagare sarà alto e lo pagheremo. È giusto così. È il modo per difendere l’integrità e la purezza della nostra Storia. E poi ripartiremo. Da qualunque categoria. Onesti, e puliti. Catania siamo noi”.

Nella foto in apertura Pulvirenti.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto