Governo Cottarelli, attesa la lista: aumento dell’Iva tra i dossier urgenti

Dieci o dodici ministri, con profili di grande competenza. E ministri “neutrali” che si impegneranno a non candidarsi alle prossime elezioni. È questo il profilo del governo di Carlo Cottarelli, che dovrebbe nascere tra oggi pomeriggio e domani.

Il premier incaricato dovrebbe completare la sua lista oggi e presentarsi al Quirinale per sciogliere la riserva. Poi, dopo il giuramento e il passaggio della campanella con Paolo Gentiloni, potrebbe andare subito al Senato a chiedere la fiducia, anche se c’è chi non esclude che il votoa Palazzo Madama ci sarà solo la prossima settimana.

Cottarelli chiederà il sostegno al suo governo per traghettare l’Italia verso le urne nel 2019 e intanto in autunno varare la legge di bilancio.

Ma con poche speranze di farcela. A Palazzo Madama i voti contrari all’esecutivo del professore sarebbero già 246, 85 in più della maggioranza assoluta di 161.

Dunque – secondo fonti parlamentari – Cottarelli potrebbe presentarsi al Quirinale per rassegnare le dimissioni subito dopo la sfiducia del Senato, senza passare dalla Camera. In questo caso, resterebbe dimissionario in carica per gli affari correnti fino alle elezioni, che sarebbero “dopo agosto”.

Lo spauracchio dell’Iva

Nonostante ciò, ci sono diverse questioni sul lavoro che il nuovo esecutivo dovrebbe affrontare. Tra queste, la più urgente riguarda l’Iva. Se dovessero scattare le clausole di salvaguardia, oltre al conseguente aggravio per i bilanci delle famiglie e un calo dei consumi si verificherebbe un effetto depressivo sulla produzione e un peggioramento dei livelli occupazionali. Per evitare l’aumento dell’Iva il prossimo governo dovrà trovare 12,5 miliardi di euro per il 2019 e 19,1 miliardi di euro per il 2020. Il nuovo esecutivo dovrà riuscire ad arrivare almeno a dicembre per approvare una manovra in grado di limitare o impedire l’aumento dell’Iva o comunque di accompagnarlo con misure che ne bilancino le implicazioni negative.

Gestione “prudente” dei conti pubblici

Per affrontare questi passaggi, il premier incaricato ha già delineato uno schema di massima per la sua squadra, anche se le caselle restano variabili. In cima all’agenda di Cottarelli c’è la “gestione prudente” dei conti pubblici, e la necessità di rassicurare i mercati, tanto che potrebbe anche tenere per sé l’interim all’Economia, oppure affidarla Salvatore Rossi, direttore Generale di Banca d’Italia (in lizza, ma meno quotato ci sarebbe anche l’ex rettore della Bocconi Guido Tabellini). Tra i possibili ministri per i dicasteri economici si fa il nome anche di Lucrezia Reichlin, docente di Economia alla London Business School, e di Enrico Giovannini. C’è anche chi fa il nome dell’attuale presidente dell’Inps, Tito Boeri.
Agli Esteri sarebbe in “pole” Elisabetta Belloni, la prima donna a ricoprire il delicato ruolo di segretario generale della Farnesina. In alternativa, si cita Pasquale Terracciano, oggi ambasciatore a Mosca.

Cantone alle Infrastrutture

Molto quotato per le Infrastrutture è Raffaele Cantone, che però sarebbe intenzionato a portare a termine il suo incarico all’Autorità anticorruzione. Per il ministero dell’Interno si parla di Giampiero Massolo, ex segretario generale alla Farnesina, ai vertici dei Servizi e oggi presidente di Fincantieri, già citato anche quando si cercava di indovinare la composizione il governo giallo-verde. L’altro nome quotato è l’ex commissario di Roma Francesco Paolo Tronca.

Dal consiglio di Stato potrebbe arrivare al governo, magari alla Giustizia, Alessandro Pajno. Tra i giuristi si fa il nome anche di Sabino Cassese, giudice emerito della Corte Costituzionale, di Paola Severino, già Guardasigilli del governo Monti e rettore della Luiss e di Marta Cartabia, vicepresidente della Consulta.
Infine, Enzo Moavero Milanesi, già apparso nella rosa dei nomi possibili per l’esecutivo M5s-Lega, potrebbe tornare ad assumere le deleghe agli affari europei.

Tra poche ore si saprà quali saranno i nomi della “squadra” di Cottarelli, verosimilmente in campo solo per tre o quattro mesi.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto