Il segreto per una buona memoria è il rosmarino, già Shakespeare lo scrisse

Il rosmarino migliora la memoria. Se già William Skakespeare scriveva nell’Amleto “ecco del rosmarino, questo è per il ricordo”, ora arriva una ricerca britannica della Northumbria university presentata alla British psychological society’s annual conference a Nottingham. Per lo studio 150 persone over 65 sono state suddivise in due gruppi.

aaaaWilliam Skakespeare

Due gruppi e gli oli essenziali

Il primo gruppo è stato sistemato in una stanza in cui erano stati diffusi oli essenziali di lavanda o rosmarino. Il secondo, invece, ha occupato una stanza in cui non vi era alcun aroma. I partecipanti sono stati poi sottoposti a dei test tesi sopratutto a valutare la cosiddetta memoria prospettica, cioè quella proiettata alle cose da fare.

aaalavanda

Per calma e contentezza c’è la lavanda

Ad esempio è stato chiesto loro di ricordare di trasmettere un messaggio in uno specifico momento o cambiare procedure quando accadeva una particolare cosa. È stato effettuato anche un test dell’umore, prima e dopo l’ingresso nelle stanze. I risultati hanno mostrato che il rosmarino migliorava significativamente la memoria prospettica e la lucidità. Mentre la lavanda aumentava calma e contentezza.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto