Cimitero degli orrori a Porto Recanati con i resti di una ragazza scomparsa nel 2010?

Un vero e proprio “imitero degli orrori” è stato scoperto nei pressi di un casolare abbandonato nei dintorni dell’Hotel House a Porto Recanati (Macerata) un grattacielo fatiscente al centro di indagini su traffici di droga.

Durante alcuni controlli, militari della Finanza hanno trovato ossa umane tra cui un femore.

Ossa di 4 o 5 cadaveri

Scavando nella zona, sono state rinvenute altre ossa – una ventina appartenenti forse a quattro o cinque cadaveri – anche dentro un pozzo. Tra i resti c’erano anche una scarpa bianca e brandelli di una foulard e di una maglia forse appartenenti a Cameyi Mossamet (nella foto qui sopra e in apertura di pagina), la quindicenne scomparsa ad Ancona nel maggio 2010: le indagini portarono dalle parti dell’Hotel House ma non diedero alcun esito.

Atteso l’esame del Dna

Solo l’esame del Dna sui resti, esaminati dai medici legali, potranno rivelare l’identità delle vittime. Per gli inquirenti potrebbe trattarsi di migranti irregolari ‘invisibili’ uccisi senza che nessuno ne reclamasse il corpo. Le indagini, coordinate dalla Procura di Macerata, sono affidate alla polizia. Domani nuovi scavi.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto