“Made in Italy” di Ligabue sfiora il milione e mezzo di incasso dopo il week end (trailer)

È “Made oin Italy” diretto da Luciano Ligabue il film in testa nella vednoita di biglietti tra il 28 e il 29 gennaio, primo week end della pellicola nei cinema.

Ieri “Made in Italy” ha incassato – come mostra il grafico di Cinetel – più di 500.000 euro con poco più di 72.000 biglietti staccati, che si aggiungo a quelli di giovedì, venerdì e sabato. Dal 22 al 28 gennaio il film di Ligabue ha incassato 1.500.000 euro, con più di 200.000 biglietti venduti.

La settimana di Ligabue

Come mostrano i tempestivi dati Cinetel, il film interpretato da Stefano Accorsi e Kasia Smutniak, soltanto sabato, sfiora i 500.000 euro di incasso staccando più di 65.000 biglietti al botteghino. Al seocndo posto L’uomo sul treno con oltre 413.000 euro incassati, seguito da L’ora più buia e da Benedetta follia di Carlo Verdone che con 359.000 euro e 50.000 biglietti continua la sua marcia a passo sostenuto.

 

20 anni dopo Radiofreccia

A 20 anni dal debutto con Radiofreccia, al quale seguì nel 2002 Da Zero a Dieci, Luciano Ligabue è tornato dietro la macchina da presa con “Made in Italy”.
“Questo film nasce da un progetto ‘balordo’: il concept album – anacronistico fare un concept negli anni Duemila – che porta lo stesso nome è uscito un anno e mezzo fa: avevo di nuovo una storia da raccontare”, racconta il rocker regista.
Made in Italy, con Stefano Accorsi (Riko) e Kasia Smutniak (sua moglie Sara), è una tormentata dichiarazione d’amore per l’Italia, raccontata con le parole e la musica del Liga, attraverso lo sguardo di Riko, una “brava persona” con una vita in cui tutto sembra improvvisamente precario: lavoro, futuro, affetti.

“Cambia te, invece di aspettare…”

Ma Riko non molla e decide di prendere in mano il suo destino. La frase simbolo del film è quella che l’amico Carnevale dice a un frustrato Riko: “Cambia te, invece di aspettare i cambiamenti”.

Il film, in sala da giovedì 25 gennaio, in poco più di 400 copie, è prodotto da Domenico Procacci e distribuito da Medusa.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto