Bambini: Giordano del faro, splendida alchimia tra immagini e realtà

La solitudine di un bambino non è mai vuota. È fatta di suoni, di segni, odori. Quella del protagonista di “Giordano del faro” (Lapis, 32 pagine, 14 euro) è fatta di mare, di barche , di sabbia e gabbiani. E del faro, ovviamente.

Janna Carioli racconta con delicata partecipazione una storia semplice e fa della storia di questo bambino – e del faro che nella notte e nella nebbia illumina l’immensità –  un tratteggio segnato da una trama lieve. Quanto basta per lasciare ai colori e alla sensibilità dell’illustratrice, Marina Marcolin, la possibilità di dare corpo e colore al mondo che circonda Giordano.

La natura, i suoi colori, la calma e la tempesta, la sabbia e i tesori di legno e di vetro che le onde del mare portano fino alla spiaggia,  sono il teatro dell’immaginazione di Giordano e il grande spazio che genera una domanda sola ma fondamentale: chi c’è al di là del mare? E comincia il viaggio…

Questo albo, recentemente ristampato, propone una esemplare alchimia tra testo e immagini, tra realtà e fiaba, tra razionalità e sentimento. Raro l’equilibrio della narrazione che porta il protagonista all’epilogo delicato e atteso di un incontro.  Dai 5 anni.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto