Venerdì pazzo tra nubifragi e calo delle temperature al Nord, l’estate sta finendo?

L’alta pressione che in questi giorni ha riportato un tempo più soleggiato e caldo, anche se spesso afoso, sta per abbandonare per lungo tempo buona parte dell’Italia. Già da venerdì 28 agosto il tempo mostrerà un peggioramento che poi si accentuerà nel corso del weekend.

 

Una giornata temporalesca

Il team del sito www.iLMeteo.it avverte che dopo un venerdì fortemente temporalesco su Alpi, Prealpi e zone pianeggianti del Nordovest, sabato il maltempo continuerà a interessare diffusamente tutto l’arco alpino e prealpino con piogge abbondanti e rischio idrogeologico.

 

Ma il caldo è in aumento

Le precipitazioni però si porteranno anche sulla Liguria sul resto della Pianura Padana, ad eccezione dell’Emilia Romagna e dei settori orientali del Veneto e delle coste friulane. Sul resto d’Italia invece l’anticiclone verrà alimentato da venti meridionali che non faranno altro che far crescere ulteriormente le temperature. Oltre al sole prevalente il caldo sarà davvero tanto con punte di 35°C su molte località. Domenica, il maltempo non accennerà a diminuire su tutte le Alpi e le Prealpi. Rovesci e temporali ancora a carattere sparso sulla Pianura Padana e questa volta anche sulla Toscana e localmente sull’Umbria. Si rinforzano i venti meridionali e lo Scirocco favorirà un ulteriore incremento termico al Centro-Sud con temperature massime fino a 38°C in Puglia e 36°C sulle Marche.

Perturbazione da lunedì

Il team del sito www.iLMeteo.it avvisa che assieme alle piogge le temperature caleranno bruscamente sulle regioni settentrionali con valori massimi fino a 20-24°C al Nordovest. Con l’inizio della prossima settimana le cose non andranno meglio. Una perturbazione già da lunedì sarà pronta a dispensare precipitazioni abbondanti dalla Sardegna verso tutto il Centro Italia e quindi il Nordest. Di fatto dalla prossima settimana si entrerà ufficialmente nell’autunno meteorologico in tutti i sensi e l’estate calda e soleggiata sarà solamente un ricordo.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto