Meteo: caldo africano fino al 2 settembre, poi arrivano i nubifragi

“L’estate torna ruggente sull’Italia, che sta per essere investita da una nuova ondata di calore africana”: questa la previsione del meteorologo Edoardo Ferrara, di 3bmeteo.com, che spiega – “il picco del caldo è atteso da venerdì e nel prossimo weekend, quando si potranno toccare punte di 34-35°C su diverse aree d’Italia, in particolare al Nord, regioni tirreniche e Sardegna; si tratta di temperature sopra le medie del periodo anche di oltre 4-5°C. Si tratterà con tutta probabilità dell’ultima ondata di caldo di questa estate 2015”.

 

aaaamarciana

Le città più calde Milano, Bologna, Roma, Foggia

“Tra le città più calde Milano, Verona, Bolzano, Bologna, Firenze, Roma, Perugia, Benevento, Sulmona, Macerata, Foggia, Matera, Cosenza e Nuoro” – prosegue il metereologo – “mentre lungo le coste il clima sarà più mitigato dalle brezze marine. Farà caldo anche in montagna con picchi fino a 28-29°C a 1000m e 24-25°C a 1500m sia sulle Alpi che sull’Appennino; lo zero termico tornerà a superare i 4000m.

 

Ma la notte si riesce a respirare meglio

A differenza di luglio tuttavia di notte il clima si manterrà tutto sommato abbastanza fresco, grazie anche alla maggiore durata della notte e al Sole più basso sull’orizzonte; solo nei grandi centri urbani si potrà soffrire un po’ l’afa fino a tarda serata.”

 

A settembre arriva l’aria fredda

“Nei primi giorni di settembre però si potrebbe avere una svolta decisamente autunnale a causa dell’arrivo di aria più fredda su buona parte dell’Europa e marginalmente anche sull’Italia, la quale costringerà l’anticiclone africano ad una rapida ritirata nei suoi luoghi di origine.

 

Attenti il 2-3 settembre al Nord e nelle zone tirreniche

In particolare dopo il 2-3 Settembre potremmo tornare ad un tempo più instabile con piogge, temporali e un calo delle temperature anche deciso. Le aree più a rischio potrebbero essere Nord, tirreniche ed Isole Maggiori, ma mancano ancora diversi giorni, seguiranno dunque importanti aggiornamenti” – conclude Ferrara.

 

Nelle foto: in alto Marina di Camerota (Cilento), al centro Marciana Marina (isola d’Elba).

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto