Cani e gatti: gli animali domestici proteggono le donne da infarto e ictus

Gli animali domestici, in particolare i gatti, sembrano fare da scudo, soprattutto per le donne, dalle conseguenze gravi delle malattie cardiovascolari. Quelle che possiedono un animale, infatti, hanno un minor rischio di morire a causa di un ictus e l’effetto positivo risulta legato alla personalità di chi li possiede, oltre al fatto che la loro compagnia allevia lo stress.

aaaanimali02

Quattromila persone sotto osservazione

Lo attesta uno studio della Georgia Southern University pubblicato su High Blood Pressure and Cardiovascular Prevention. Gli studiosi hanno esaminato i dati di 4.000 adulti over 50, senza malattie gravi, che hanno partecipato al National Health and Nutrition Examination Survey, sondaggio sulla salute e la nutrizione dal 1988 al 1994, dichiarando anche se possedevano un animale domestico.

aaaanimali03

Si riduce il rischio di morte per infarto

Dal sondaggio è risultato che il 35% dei partecipanti aveva un cane o un gatto e che la metà era obeso o in sovrappeso. I partecipanti sono stati seguiti fino al 2006 per sapere se fossero ancora in vita e dai risultati, comparati col National Death Index, l’indice nazionale di mortalità, è emerso che l’incidenza di morti per malattie cardiovascolari nei non proprietari di animali era di 11 ogni 1000 persone, mentre per chi aveva un cane o un gatto era di 7 ogni 1000.

aaaanimali04

Ictus: il 40% delle donne con un animale si salva

In particolare per l’ictus, gli uomini proprietari di animali avevano le stesse chance di mortalità, mentre nelle donne la probabilità di morire risultava ridotta di circa il 40 per cento. “Lo studio non deve essere interpretato come un incoraggiamento a possedere animali domestici. Averli può essere positivo, ma devono essere tenuti responsabilmente”, avverte però l’autore Jian Zhang, spiegando che devono essere fatti ulteriori approfondimenti.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto