Furbetti dell’olio d’oliva: da venerdì prossimo multe fino a 18.000 euro

Via libera al nuovo sistema di sanzioni contro i “furbetti” dell’olio di oliva made in Italy, con multe fino a 18 mila euro. È stato infatti pubblicato sulla Gazzetta ufficiale il decreto 103/2016, in vigore da venerdì prossimo, 1° luglio 2016, che – osserva il Ministero delle politiche agricole nel darne notizia – “rappresenta un ulteriore passo in avanti per la tutela del prodotto italiano e per una sempre maggiore difesa dei consumatori e dei produttori”.

aaaolio02

Giro di vite contro il “country sounding”

Il provvedimento in 11 articoli modifica e rafforza ulteriormente il sistema sanzionatorio. Tra le principali norme figurano le sanzioni per il cosiddetto “country sounding”, evocazione di un’origine geografica dell’olio diversa dall’origine anche se correttamente etichettato, da 2.000 a 18.000 euro. Il mancato rispetto del regolamento sugli imballaggi, comprese le chiusure non conformi, sarà sanzionato con multe che vanno da da 150 euro a 4.800 euro.

aaaolio03

Sanzioni anche per le etichette difformi

La mancata o difforme indicazione in etichetta dell’informazione sulla categoria di olio, invece, andrà da 2.500 a 15.000 euro, mentre chi non rispetterà l’obbligo di tenere i registri degli oli d’oliva e di sansa d’oliva sarà costretto a pagare tra i 300 euro a 1.200 euro.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto