Baku: vince Bottas, 2° Hamilton, 3° Vettel, Leclerc si accontenta del giro veloce

Valteri Bottas su Mercedes vince il Gran premio dell’Azebairgian e torna in testa al mondiale piloti, davanti al compagno di squadra Hamilton. Al secondo posto l’altra Mercedes, quella guidata da Lewis Hamilton, terza la Ferrari di Sebastian Vettel, quarta la Red Bull di Verstappen.

Soltanto quinta con l’altra Ferrari Charles Leclerc, che strappa però il punto del giro più veloce.

Una gara che conferma , nella sostanza, l’andamento dei Gran premi precedenti, con il record della quarta doppietta consecutiva delle Mercedes. Record senza precedenti.

 

 

Bottas era partito in Pole

Sarà Valteri Bottas a partire in Pole position oggi a Baku con la sua Mercedes, davanti all’altra freccia d’argento, quella di Hamilton, che ha perso la Pole solo per un gioco di scie. Terzo Vettel per poco più di 90 millesimi dal pilotea inglese della Mercedes.

Quarta la Red Bull di Verstappen.

Ma il più sfortunato è stato Charles Leclerc, che dopo aver realizzato il miglior tempo per due prove libere di fila, è andato a sbattere contro un muro nella quarta e decisiva manche. Il giovane pilota della Ferrari partirà oggi dalla nona posizione, ma almeno potrà gareggiare.

La gara partirà alle 14,10, in diretta su SkyF1, alle 18 in differita su Tv8.

 

Le prove illusorie di Leclerc e Vettel

Ferrari di Leclerc e Vettel  in primo piano, ieri,  nella seconda sessione di prove – cominciata regolarmente dopo i controlli fatti dagli addetti al circuito su tutti i 300 tombini presenti sull’asfalto di Baku per l’incidente che aveva bloccato la prima sessione.

Le rosse hanno confermato di essere sulla strada giusta dopo il passo falso del gran premio di Cina.

D’altra parte il gran premio dell’Azerbaigian è una sorta di banco di prova per la casa di Maranello chiamata a colmare il gap con le Mercedes (57 punti nella classifica costruttori, 31 e 32 in quella piloti).

Oggi alle 15 ci si gioca la Pole. Diretta su Sky F1.

La miglior prestazione con gomme medie

Leclerc e Vettel hanno iniziato la sessione con gomme medie per passare poi alla mescola più morbida. In questa configurazione entrambi hanno ottenuto i migliori tempi rispettivamente in 1’42″872 e 1’43″196.

A fine sessione la SF90 hanno occupato le prime due posizioni della classifica seguiti dalla Mercedes di Lewis Hamilton e dalla Red Bull di Max Verstappen. Anche le seconde libere sono state condizionate da alcuni incidenti e due bandire rosse causate prima da Stroll e poi da Kvyat (che ieri ha compiuto 25 anni) che hanno divelto le sospensioni contro i muretti di Baku, con Leclerc sfiora soltanto il muro.

Un insidioso tracciato cittadino

Le difficoltà del tracciato cittadino di Baku sono emerse in modo chiaro. Pista sporca ma anche gli spazi stretti da percorrere ad alta velocità hanno rappresentato un’insidia.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto