Bologna: dal 1° al 4 aprile torna la Fiera internazionale del libro per ragazzi

È giovane per antonomasia e, nonostante il mezzo secolo abbondante d’età, fa propri temi più che mai attuali, dal mercato emergente degli audiolibri a quello delle app per smartphone e tablet, senza trascurare “cult” come i cartonati. Il mondo dell’editoria per infanzia e ragazzi si dà appuntamento a Bologna per la Fiera Internazionale del Libro per Ragazzi che quest’anno dal 1° al 4 aprile arriva alla cinquantaseiesima edizione e oltre agli annunciati numeri da record, punta sulla rivoluzione digitale e sui nuovi trend di mercato. Con una missione speciale per il 2019: la poesia.

Perché la poesia

Non è un caso che la rassegna sia stata presentata proprio nella cornice del museo di Casa Carducci le cui porte saranno definitivamente aperte a grandi e piccoli proprio grazie a un progetto speciale dedicato alla poesia che prenderà il ‘la’ dalla Children Book Fair. La lettura a bambine e bambine dei versi di Carducci, premio Nobel che di Bologna è cittadino onorario, farà da apripista alla sperimentazione dell’uso aperto degli spazi del museo. L’obiettivo è di trasformare Casa Carducci in un centro di iniziative per la poesia, le illustrazioni e la letteratura per l’infanzia, per i ragazzi e le loro famiglie.

Dimensione internazionale

Ma non è solo poetica l’anima della Children Book Fair 2019. Negli spazi di BolognaFiere, forte di due padiglioni completamente ricostruiti, sono in arrivo oltre 1.440 espositori da più di 80 Paesi. Paese ospite d’onore è la Svizzera, mentre i grandi temi che faranno da sfondo spaziano dai temi e colori della cultura afroamericana al ritorno della scrittura a mano in un mondo digitale, dalle ‘grandi donne’ nella letteratura per ragazzi all’illustrazione internazionale. Cina, gli “audiobook”, le librerie per ragazzi sono i trend di mercato su cui si accenderanno i riflettori.

Arriva “Kids Wants Mobile”

Per la prima volta la fiera ospiterà la “Kids Wants Mobile”, maxi convention internazionale di sviluppatori di app che in due giorni ha già registrato il sold out di presenze. L’incontro tra libro e digitale è sfaccettato: gli e-book sono quasi superati mentre ora l’attenzione è sui libri con applicazioni di realtà aumentata, la tecnologia che sovrappone a immagini reali una visione interattiva e virtuale.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto