Oggi esce in Italia Frozen 2: negli Stati Uniti è già campione d’incassi (trailer)

Il nuovo capitolo della saga ha già fatto registrare un incasso monstre di 350 milioni di dollari globali, 127 in America, 35 in Cina e 31 in Corea. Quando nel 2013, uscì il cinquantatreesimo classico della Disney: “Frozen – Il Regno di Ghiaccio”, nessuno avrebbe sospettato che sarebbe stato il film di animazione con il più alto incasso globale di tutti i tempi e avrebbe vinto un Oscar.

Ispirato vagamente alla fiaba di Hans Christian Andersen, “La regina delle nevi”, parlava di due sorelle molto legate tra di loro, Elsa e Anna, la prima con il potere di rendere ghiaccio tutto ciò che toccava, la seconda senza alcuna capacità particolare, ma dotata di un naturale “calore” che le avrebbe permesso di salvare la sorella e tutto il regno. A far loro compagnia il delizioso pupazzo di neve Olaf, la renna brontolona Sven, e il coraggioso montanaro Kristoff.

Il sequel al cinema dal 27 novembre

Sono passati un po’ di anni, Elsa e Anna sono cresciute, e tornano al cinema insieme ai loro amici, con Frozen 2 Il segreto di Arendelle, che arriverà nelle sale italiane mercoledì 27 novembre.

Il primo film terminava con il classico “e vissero felici e contenti”, ma secondo il regista Chris Buck e la regista e sceneggiatrice Jennifer Lee, la storia delle due sorelle era appena iniziata, c’era ancora molto da raccontare, non per ultimo il motivo per il quale Elsa era nata con quel particolare potere magico.

Alla ricerca della loro identità

In Frozen-Il Regno di Ghiaccio, spiega Buck “i personaggi stavano ancora cercando di scoprire la loro identità. Ora è come se avessero appena terminato il college e stiano rimettendo in ordine le proprie vite. Ma di fronte a loro ci sono molte cose sconosciute”.

Anche secondo la Lee, questo nuovo film è “incentrato sulla lotta per trovare il proprio posto nel mondo, fare la cosa giusta e compiere tutto ciò che è necessario per diventare adulti”. Non è mai una cosa facile, nemmeno se sei il personaggio di un cartone animato. Il tema del cambiamento e della crescita che è alla base del film, si riflette sia all’interno della storia, sia nelle canzoni, e persino nell’aspetto visivo.

Tavolozza con i colori autunnali

Una tavolozza cromatica ricca di colori autunnali, rispecchia la maturità delle due protagoniste, che anche nelle acconciature e negli abiti, mostrano dei cambiamenti rispetto al primo episodio. Il risultato è una vicenda epica, appassionante, straordinaria dal punto di vista estetico.

Un simulatore di capelli nuovo

Qualche curiosità. Frozen 2 – Il Segreto di Arendelle è il primo film a utilizzare un nuovo software simulatore di capelli, chiamato Beast, con cui sono stati creati i riccioli di Anna, i boccoli mossi dal vento di Kristoff, e la nuova capigliatura di Elsa.

Per ottenere la massima autenticità rispetto alla vegetazione, i filmmaker hanno consultato un esperto di botanica di Oslo, dato che si presume che il Regno di Arendelle si trovi in un fiordo norvegese.

I personaggi dei Giganti di Terra che appaiono come argini rocciosi di un fiume quando dormono, ma da svegli sono in grado di scatenare un’immensa distruzione, sradicando alberi a loro piacimento e scagliando giganteschi massi, essendo sia personaggi che paesaggi, hanno coinvolto il lavoro di due diversi dipartimenti.

Serena Autieri dà la voce a Elsa

A dare la voce ad Elsa, la principessa che intraprende un viaggio avventuroso alla scoperta del proprio passato, è ancora una volta l’attrice Serena Autieri.

Brignano nel ruolo di Olaf

Ad accompagnarla, è la sorella Anna, doppiata dall’attrice, cantante e conduttrice televisiva Serena Rossi, mentre il divertimento è assicurato con il comico Enrico Brignano nel ruolo di Olaf. Il cantautore Giuliano Sangiorgi dei Negramaro, interpreta, in chiave rock, il nuovo brano “Nell’Ignoto” (“Into the Unknown”), che il pubblico italiano potrà ascoltare nei titoli di coda del film.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto