Furbetti del cartellino all’Asl Roma 5: 8 denunciati rischiano il processo (video)

Alcuni non facevano neppure ingresso nella sede ma figuravano al lavoro; altri si allontanavano dopo aver “strisciato” regolarmente il proprio badge nel dispositivo di registrazione delle presenze installato all’ingresso della “Casa della Salute” di Zagarolo. Sono 8 i dipendenti dell’Asl Roma 5 ai quali i finanzieri del comando provinciale di Roma hanno notificato l’avviso di conclusione delle indagini emesso dalla procura di Tivoli.

Monitorati gli spostamenti

A seguito di alcune segnalazioni, le fiamme gialle della compagnia di Frascati hanno monitorato i loro movimenti, posizionando delle telecamere nei pressi dell’apparecchiatura “marcatempo” e monitorandoli per diversi giorni. Le immagini registrate hanno confermato i sospetti, riprendendo dipendenti che, appena timbrato il cartellino, si allontanavano per alcune ore dal posto di lavoro per sbrigare faccende personali.

“Sistema consolidato e scambi di favori”

Le indagini hanno permesso di accertare “l’esistenza di un sistema consolidato incentrato su uno scambio di favori che, in alcuni casi, si è spinto anche a simulare la presenza per l’intero turno, grazie a colleghi compiacenti che ‘strisciavano’ il badge a inizio e fine giornata”. Gli otto denunciati dovranno rispondere dei reati di truffa ai danni dell’ente di appartenenza e falsa attestazione di presenza in servizio.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto