Trema ancora il Centro: nuova scossa da 4.4 (video)

Nuova scossa da 4.4 alle 10.21 di oggi, giovedì 27 ottobre, a Castelsantangelo sul Nera, in provincia di Macerata, dopo le 3 forti scosse in poche ore e poi altre nel corso della notte per un totale di 200 circa, 30 sopra magnitudo 3. Il Centro Italiaieri ha tremato più volte, generando ansia e paura nella popolazione. L’epicentro sempre nella Valnerina, nelle Marche. Le scosse sono state avvertite distintamente in tutto in Centro Italia.

a-apertouno

a-scossa2610_06

In molti hanno preferito dormire all’aperto o in dei capannoni trasformati dall’emerfgenza, come mostrano le foto in basso. Un uomo di 73 anni è morto per un infarto a Tolentino, presumibilmente per lo choc provocato dal terremoto. È la prima vittima “indiretta” del sisma. Secondo il comandante provinciale dei carabinieri di Macerata, Stefano Di Iulio, non si sarebbero vittime per conseguenza di crolli.

Con l’arrivo della luce, 12 ore dopo la prima forte scossa, è iniziata la valutazione dei danni. Al momento, per via delle forti precipitazioni in corso sulla zona colpita, ma principale minaccia è rappresentata dalle frane dato che montagne e boschi sono stai danneggiati.

Tre dalle 19,10 alle 23,42

Le più forti alle 19,11 di magnitudo 5.4 e di 5.9 alle 21,18, più intensa e duratura. La scossa registrata alle 23,42 è stata di magnitudo 4.6, secondo i rilievi dell’Istituto nazionale di geofisica. L’epicentro è stato localizzato nella stessa zona delle scosse del pomeriggio e della sera.

a-apertodue

Una nuova faglia verso Nord: le notizie del 26 ottobre

Una nuova faglia generata verso nord. Per i geologi è questa da aver provocato alle 19.11 di oggi, mercoledì 26 ottobre, la potente scossa di terremoto di 5.4 di magnitudo con epicentro tra Perugia e Macerata, bersagliata anche da un violento nubifragio. Alle 21.18 un’altra scossa arrivata a 5.9 gradi tra Perugia e Macerata ed è stata registrata fino a Bolzano.

a-scossa2610_05

a-scossa2610_04

Il sindaco di Ussita: “Il nostro paese è finito”

“Sono crollate parecchie case. Il nostro paese è finito”. Lo ha detto il sindaco di Ussita, Giuliano Rinaldi, a Skytg24, in relazione all’ultima e più forte scossa di terremoto usando il termine “apocalittico”. Il sindaco ha affermato che “è crollata anche la facciata della chiesa” e che si è “spaccato il terreno. La frazione di Casali non la possiamo raggiungere”.

Scossa avvertita fino a Roma

Nuovi crolli anche ad Amatrice e in altre zone colpite dal terremoto dello scorso 24 agosto. A Cascia segnalate persone tra le macerie. A Visso ci sono due feriti, il primo dei quali colpito dal crollo di un contro soffitto. Domani, giovedì 27 ottobre, scuole chiuse a Rieti, Terni, Spoleto e Perugia.

a-scossa2610_01

A Norcia è stata riaperta la palestra per accogliere chi non ha voluto dormire a casa. La Protezione civile, poco dopo le 20, ha fatto sapere che “ci sono crolli, morti e feriti”. Poi un comunicato successivo parla di crolli, ma non di morti e feriti.

a-scossa2610

Partite squadre di soccorso

È crollata la chiesa di Norcia. La scossa, registrata a una profondità di 9 chilometri, è stata avvertita fino a Firenze, Napoli e Roma, dove è stata evacuata la Farnesina, e sulla Salaria, all’altezza di Arquata del Tronto, c’è un “grosso problema”, dice il dirigente della Protezione civile delle Marche Cesare Spuri. Il centro più vicino è Castelsantangelo sul Nera. Lo rende noto l’Istituto nazionale di Geofisica e Vulcanologia (Ingv). Alcune squadre di soccorso sono partite in direzione di alcune frazioni dei comuni dell’area epicentrale che risultano isolate.

a-scossa2610_02

Panico tra la popolazione

Gli altri comuni interessati sono Visso, Ussita e Preci, tutti in provincia di Macerata. Nella zona sono saltate le linee elettriche. Tanta paura e crolli di cornicioni a Visso. La popolazione si è riversata in strada e sono numerosissime le telefonate ai vigili del fuoco. Sotto le istruzioni su come comportarsi in casi di emergenza sisma.

a-scossa2610_03

Due scosse di terremoto a Firenze e in Toscana, nessun danno, le notizie del 25 ottobre 2016

Trema Firenze e la zona del Chianti (sopra nella mappa), grazie a due scosse che sono state avvertite – ieri sera -in molti comuni. La prima alle 18,53.
L’epicentro è stato a Castelfiorentino. La scossa più forte è stata registrata di magnitudo 3.9, preceduta pochi minuti prima da una di 2,2. La scossa più forte si è verificata ad una profondità di 9 chilometri.

a-firenze

Avvertito anche a Empoli e in tutta la Toscana

Il movimento sismico è stata avvertito distintamente a Firenze ed Empoli e in tutta la Toscana. Segnalazioni arrivano anche da Livorno, Prato, Lucca, Pisa, Pistoia, Massa, Carrara, Pistoia, Viareggio, Pontedera e Volterra, mentre i centralini dei vigili del fuoco sono presi d’assalto. Ancora da verificare glie ventuali danni. Non si sono registrati danni a persone e cose.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto