Ferrara, Simone confessa: “Ho fatto un casino”, fermato anche l’altro uomo

Simone Bertocchi, 36 anni, si è consegnato ieri mattina ai carabinieri di Porotto e ha cominicato una confessione fiume. “Ho fatto un casino”, sono state le sue prime parole.

Era ricercato dal momento del delitto, avvenuto domenica mattina. La caccia all’uomo era iniziata dopo la morte Roberto Tosi Savonuzzi di 73 anni e il ferimento della moglie Raffaela Pareschi della stessa età.  Era insieme al suo avvocato e avrebbe già indicato dove trovare la pistola usata a Fossanova San Marco, dove si era recato in bicicletta insieme a un’altra persona, che ieri sera è stata fermata dai carabinieri. Il movente più probabile: il furto della pensione.

a-ferrara

Contro di lui un testimone grave

Bertocchi, originario della provincia di Varese, ma domiciliato da tempo a Ferrara, viveva in parte anche a casa della fidanzata Sabrina Chiccoli, intestataria della casa di Fossanova San Marco. Lei è la nipote della coppia aggredita. Su di lui si sono subito concentrate le attenzioni degli inquirenti sulla base della testimonianza di Vittorio Chiccoli.

 

Arrestato anche il seocndo killer

Dopo alcune ore è finito agli arresti anche il secondo “killer della bicicletta”; come sono stati chiamati i due. Ha 36 anni e abita a Ferrara, in un passato ormai lontano ha avuto precedenti per droga (arrestato nel 1998). Noto negli ambienti della cosiddetta “Ferrara di sotto”, che si arrangia per vivere.

È stato trasferito nella caserma dei carabinieri di via del Campo per essere messo davanti al suo complice, Simone Bertocchi. Si tratta di capire chi ha sparato tra i due.

 

È ancora caccia al killer di Fossanova San Marco, il cerchio si stringe, le notizie del 25 luglio 2016

Continuano le ricerche dei due killer arrivati e fuggiti in bici dopo aver sparato ieri mattina ad una coppia di anziani a Fossanova San Marco, nel Ferrarese, uccidendo Roberto Tosi Savonuzzi, 73 anni, e ferendo gravemente Raffaella Pareschi, stessa età, ancora ricoverata in condizioni critiche all’ospedale Maggiore di Bologna.

Ricercato un uomo di Varese

Gli investigatori si stanno concentrando in particolare su un uomo di 36 anni originario del Varesotto ma domiciliato da tempo a Ferrara, alle spalle diversi precedenti per violenza generici, legato alla nipote dell’anziano padrone di casa, di cui le vittime erano affittuari; la ragazza è stata sentita fino a tarda sera – come diverse altre persone, tra cui parenti e vicini – da carabinieri e Procura.

Problemi di vicinato degenerati

Tra i confinanti non correva buon sangue, una querelle ultimamente inasprita da problemi legati a un’infiltrazione d’acqua da un terrazzo. I due killer si sarebbero presentati a casa della coppia proprio per discutere problemi condominiali, poi la situazione è degenerata.

 

Ferrara, ancora ricercato il killer di Fossanova San Marco, le notizie del 24 luglio 2016

Misterioso delitto da parte di due uomini in bicbicletta nel ferrarese. Un uomo di 73 anni è morto e la moglie è in fin di vita, ricoverata in rianimazione all’ospedale Maggiore di Bologna.

La donna è stata trasportata all’ospedale in elisoccorso. La vittima si chiama Roberto Tosi Savonuzzi, la moglie Raffaella Pareschi.

A sparare sarebbe stato il fidanzato di una nipote dei proprietari. Ma accertamenti sono ancora in corso.

Ancora non è stato fermato, perché ieri la caccia si è rivelata vana.

a-casolare

Colpi di pistola a Fossanova San Marco

I due coniugi sono stati raggiunti dai colpi di una pistola in un casolare di campagna a Fossanova San Marco alle porte di Ferrara, nella zona di via Ravenna.

I fatti risalgono a ieri mattina, poco prima delle 9, quando due uomini in bicicletta si sono presentati alla porta dell’abitazione in cui i due coniugi, settantenn, vivono come inquilini di una altra coppia di anziani.

Ha sparato il fidanzato della nipote

A quanto appreso, a fare fuoco, sarebbe stato uno dei due uomini fidanzato della nipote dei proprietari della casa: il movente potrebbe essere ricercato nell’ambito dei dissidi tra proprietari e inquilini.

A dare l’allarme gli inquilini della casa di fronte a quella della coppia che, visti i corpi dei due dietro l’abitazione, hanno chiesto aiuto.

Indagini in corso

Sul posto sono intervenuti gli uomini dei arabinieri, Polizia e Guardia di Finanza, che hanno raccolto le testimonianze su quanto accaduto. Al casolare sono giunti anche il Pm di turno, Stefano Longhi e il medico legale, Maria Rosa Gaudio. Gli uomini della Scientifica dei carabinieri hanno compiuto i rilievi sul retro dell’abitazione dove è avvenuto il fatto, per ricostruire l’accaduto e accertare con precisione chi avesse in mano l’arma. Sono in corso le ricerche dei due uomini in bicicletta che sarebbero scappati in direzione di Ferrara.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto