Cile, lotta all’obesità: vietati l’ovetto Kinder e l’Happy Meal di McDonald’s

Ovetto Kinder della Ferrero e Happy Meal di McDonald’s vietati in Cile. Da oggi, lunedì 27 giugno, i 2 popolari alimenti non possono più essere venduti a tutti in forza della “ley de etiquetados”, la legge sulle etichette appena entrata in vigore per combattere l’obesità, problema che fa del Paese latino-americano il primo del continente nel caso di obesità infantile.

aaahappy

No a regali e concorsi con il cibo

Da adesso, dunque, i cibi venduti in Cile devono rispettare 3 rigorose regole: pubblicare sulle confezioni un’immagine (sotto) in cui è raffigurato un esagono nero che avverte della presenza di zuccheri, calorie, sodio e grassi saturi a livelli superiori rispetto ai limiti stabili dal ministero della Salute.

aaadivieti

Divieto di vendita sotto i 14 anni

Inoltre questi cibi non possono essere venduti ai minori di 14 anni né usato a fini promozionali con la cessione di razioni gratuite. A ciò si aggiungono gli alimenti che contengono regali o che consentono la partecipazione a concorsi (come nel caso l’uomo Kinder e l’Happy Meal).

aaaajunkfood

Fuori dalle scuole dove arrivano i “chioschi della salute”

Terzo punto: non saranno più ammessi nelle scuole, dove vengono introdotti i “chioschi della salute” che distribuiranno a bambini e ragazzi solo cibi sani e genuini e dove partono programmi didattici di educazione alimentare.

Ferrero: “La sorpresa nell’uomo è essenziale”

Non si sono fatte attendere le reazioni a iniziare da Ferrero. In una nota ha detto che “si riserva i diritti di attivare le istituzioni nazionali e internazionali per arrivare a una soluzione giuridica, visto che il gioco del Kinder Sorpresa è una parte essenziale del prodotto, che costituisce una sola unità. La sorpresa è l’essenza stessa dell’uovo di cioccolato e non si può considerare un gancio per il suo consumo”.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto