Donne di carta a Bologna, presentato il volume al Centro delle donne

Carte d’archivio inedite, fatti e testimonianze per ricomporre la storia al femminile di un’industria di Stato
Non una storia di fabbrica, ma le storie che hanno dato vita alla Cartiera di Foggia. Lo fa il libro “Donne di carta. Il Poligrafico nei documenti dell’Archivio di Stato di Foggia e nei ricordi delle lavoratrici”, il libro della giornalista Mara Cinquepalmi che è stato presentato mercoledì 28 febbraio, alle ore 18, al Centro delle donne di Bologna (via del Piombo, 5).
Il libro, edito da Il Castello edizioni e con la prefazione di Linda Giuva, docente di Archivistica generale all’Università La Sapienza di Roma, racconta attraverso giornali, atti parlamentari, documenti mai pubblicati prima dell’Archivio di Stato di Foggia e attraverso le voci delle donne del primo vero tentativo in Italia di istituire un sistema di welfare all’interno di un’industria di Stato.
Dati, fatti e carte d’archivo
L’autrice ha messo insieme dati, fatti, carte d’archivio, testimonianze e storie in grado di riconsegnare una parte della vita che fu di una grande fabbrica come la Cartiera di Foggia. Dall’inaugurazione nel dicembre 1936 alla ricostruzione nel dopoguerra, dalle lotte sindacali ai ricordi di una vita consegnati da alcuni protagonisti a queste pagine, Donne di carta, pubblicazione unica nel panorama editoriale contemporaneo, vuole restituire un’epopea e un sistema industriale che non esistono più.
Alla presentazione partecipano – assieme all’autrice – anche Leda Guidi e Milena Schiavina dell’associazione Orlando.
Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto