Alternative al latte: prima di tutto quello di capra, poi riso e soia

I prodotti alternativi in commercio per chi non può consumare latte per una intolleranza al lattosio o un’allergia alle proteine del latte, soprattutto la caseina, sono di origine animale o vegetale.

Il latte di capra ha una composizione simile al latte vaccino, ma il contenuto di grasso, calcio, lattosio e caseina sono inferiori. La caseina del latte caprino è più digeribile. È utilizzato per chi allergico alle proteine del latte, ma non è tollerato da tutti.

Il latte di soia, ottenuto dai semi lasciati macerare in acqua e schiacciati, ha un contenuto calorico simile, o inferiore, al latte parzialmente scremato. Chi è allergico alle proteine del latte può sviluppare una sensibilizzazione anche a quella della soia. Può essere addizionato con calcio e, per mascherare il gusto del legume, zuccheri o aromi.

Il latte di riso si ottiene dai chicchi macinati e filtrati. È povero di proteine e grassi ma ricchissimo di zuccheri, dal 7 al 10%. Può essere addizionato con calcio e fosforo.

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto