Perturbazione d’autunno: venti di bora e le temperature crollano di 15 gradi

Ciao estate, è arrivato l’autunno. L’alta pressione padrona del tempo in questo mese di settembre, indietreggia verso l’oceano e contemporaneamente risale verso la Scandinavia. Sarà da qui infatti che l’aria fredda farà uno spettacolare ingresso con venti di Bora che soffieranno via via più forti e fino a 90-100 chilometri orari, soprattutto sul mare Adriatico e sull’alto Tirreno.

Le temperature

Antonio Sanò, direttore e fondatore del sito www.iLMeteo.it avvisa che le temperature cominceranno a diminuire gradualmente, con il vento freddo che ci farà percepire 3-5 gradi in meno rispetto a quelli reali. Oggi il risveglio sarà freddo sulle pianure del Nord con soli 7-8 gradi, gelate estese invece sopra i 1000 metri, nei giorni successivi toccherà anche al Centro-Sud con temperature di primo mattino di soli 8-9 gradi a Roma, Firenze e Napoli. Di giorno invece i termometri a stento saliranno sopra i 20-21 gradi su tutta Italia.

Temporali, raffiche di vento e temperature giù: allerta maltempo sul Centro-Nord, le notizie del 24 settembre 2018

Burrasca in arrivo e allerta della Protezione Civile. Una perturbazione di origine atlantica determinerà infatti un peggioramento delle condizioni meteorologiche sull’Italia con venti forti dai quadranti settentrionali e temperature in sensibile diminuzione da oggi su tutto il Centro-Nord. Per questo, il dipartimento della Protezione Civile, d’intesa con le regioni coinvolte, ha emesso un avviso di condizioni meteorologiche avverse.

Le zone colpite

Dalle prime ore di oggi, si prevedono venti forti Nord-orientali con raffiche di burrasca su Emilia Romagna, Marche, Umbria e Toscana, in estensione dalla mattinata a Lazio, Abruzzo e Molise, con possibili mareggiate sulle coste esposte. Previste inoltre precipitazioni, a prevalente carattere di rovescio o temporale, su Emilia-Romagna e Marche, in estensione dalla mattinata ad Abruzzo e Molise. I fenomeni saranno accompagnati da rovesci di forte intensità, frequente attività elettrica, locali grandinate e forti raffiche di vento.

Rischi idrogeologici

Sulla base dei fenomeni previsti è stata valutata per la giornata di oggi allerta gialla sulla Romagna, sulle Marche e sui settori costieri di Abruzzo e Molise. Permane inoltre l’allerta gialla per rischio idrogeologico localizzato sul Veneto, bacino dell’Alto Piave, a causa della frana della Busa del Cristo, nel comune di Perarolo di Cadore (Belluno), sulla quale è in corso un continuo e attento monitoraggio.

Authors

Pubblicità

Articoli collegati

Commenti

Alto